“La libertà è uno stato di grazia e si è liberi solo mentre si lotta per conquistarla” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaCatanzaroScrutatori Catanzaro, Barberio e Caviano: "L'amministrazione vuole assicurare imparzialità e trasparenza in...

Scrutatori Catanzaro, Barberio e Caviano: “L’amministrazione vuole assicurare imparzialità e trasparenza in ogni procedura”

“La stella polare di questa Amministrazione comunale è garantire assoluta imparzialità e trasparenza in ogni procedura. Anche per gli scrutatori, quindi, la volontà è stata fin da subito di andare avanti con il sorteggio per assicurare a tutti gli iscritti nell’elenco di poter essere selezionati e di garantire la correttezza operazioni di voto”. Lo affermano i consiglieri comunali Antonio Barberio e Igea Caviano in risposta alla nota stampa della consigliera comunale di opposizione, Alessandra Lobello.

“Per come strutturato al momento, indubbiamente questo metodo presenta delle criticità, come si è avuto modo di verificare dalla rinuncia di molti scrutatori in occasione delle prossime elezioni del 25 settembre. Per superare le difficoltà,  abbiamo già proposto in Commissione Elettorale e discusso in Consiglio Comunale un nuovo strumento che è già stato utilizzato con ottimi risultati anche in altre realtà calabresi. Una procedura innovativa, al passo con i tempi e in coerenza con la normativa dettata in materia. E che consentirà di non gravare ulteriormente il carico di lavoro sugli uffici comunali e allo stesso tempo di offrire un servizio migliore per tutti i cittadini.”

“Ci si chiede- continuano Barberio e Cavino- perché l’ex assessore al ramo Alessandra Lobello non abbia avuto a cuore la procedura negli ultimi cinque anni e se ne ricordi solo oggi. Allo stesso tempo, sorge spontanea la domanda su quali siano stati gli atti realizzati dalle precedenti amministrazioni per evitare di agevolare meccanismi virtuosi e democratici nella individuazione degli scrutatori, fermo restando che lo snellimento non effettuato di un elenco ormai datato è da imputare senz’ombra di dubbio a coloro che nel tempo, pur avendone la facoltà, non si sono adoperati a tal proposito e che quindi anziché denunciare le rinunce farebbero bene ad autodenunciarsi per una scarsa attenzione al lavoro svolto. Ci aspettiamo da parte della consigliera Lobello, in virtù della sua pregressa esperienza, ulteriori proposte concrete e non le solite strumentalizzazioni che interessano poco o niente all’intera città”.

Articoli Correlati