“Sopra il foglio bianco si preparano al balzo lettere che possono mettersi male, un assedio di frasiche non lasceranno scampo” - Wisława Szymborska
HomeAltri sportPallanuoto femminile, grande acquisto per Olio di Calabria Igp per la prossima...

Pallanuoto femminile, grande acquisto per Olio di Calabria Igp per la prossima serie A: arriva Olga Belova

Arriva la campionessa russa Olga Belova. “La nostra squadra di pallanuoto ha il piacere di annunciare l’acquisto di Olga Belova, una delle giocatrici più talentuose e decorate della scena internazionale”, annuncia- a sorpresa- il presidente di Aqa e dell’Olio di Calabria Igp Francesco Manna. Insieme a tutta la dirigenza ed agli sponsor, ecco il colpo nel mercato del precampionato.
La Belova è nata il 27 agosto 1993 nella città di Volgograd, Russia. Olga porta con sé un palmarès che parla da solo. Un palmarès straordinario. “La carriera di Olga Belova è costellata di successi”, dicono. Tra i suoi numerosi riconoscimenti, spiccano la medaglia di bronzo olimpica conquistata ai Giochi di Rio 2016 e la medaglia di bronzo mondiale ottenuta ai Campionati di Budapest 2017. La sua esperienza a livello internazionale e le sue performance di alto livello la rendono “un’aggiunta di grande valore per la nostra squadra”.
Olga è rinomata per la sua abilità di gioco sul lato destro dello schieramento di attacco. La sua precisione, la capacità di leggere il gioco e la forza nei tiri fanno di lei una giocatrice chiave, capace di fare la differenza nelle partite più difficili. “Con la sua esperienza e la sua leadership, siamo certi che Olga contribuirà in modo significativo ai successi futuri della nostra squadra. L’arrivo di Olga Belova segna un passo importante per tutti noi, che continua a puntare in alto. Con l’obiettivo di competere ai massimi livelli. Siamo entusiasti di accogliere Olga e di vederla in azione con i nostri colori. La sua determinazione e il suo spirito competitivo saranno un esempio per tutti i nostri giocatori e una fonte di ispirazione per i nostri tifosi. Benvenuta, Olga”, il saluto
Articoli Correlati