“Ma è meglio poi, un giorno solo da ricordare che ricadere in una nuova realtà sempre identica” (Francesco Guccini, Scirocco -
HomeCalabriaCosenzaCosenza, prima Stagione dell'Orchestra Sinfonica Brutia: presentato il cartellone eventi

Cosenza, prima Stagione dell’Orchestra Sinfonica Brutia: presentato il cartellone eventi

E’ stata presentata questa mattina alla stampa nel Salone di Rappresentanza di Palazzo dei Bruzi la prima Stagione dell’Orchestra Sinfonica Brutia nella prestigiosa cornice del Teatro “Alfonso Rendano”, che è anche sede della nuova ICO. “Il Rendano è il nostro gioiello più bello ed affascinante dell’immenso e straordinario patrimonio artistico/culturale di Cosenza Vecchia, oggi anche sede naturale dell’Orchestra Sinfonica Brutia, con la quale e grazie alla quale sarà ulteriormente valorizzato anche al fine di riconsegnargli il titolo sospeso di Teatro di Tradizione”. E’ quanto ha affermato il sindaco Franz Caruso nel corso della conferenza stampa moderata, per l’occasione, dalla funzionaria del settore cultura, Anna Rita Callari, ed a cui hanno partecipato il direttore artistico dell’OSB, Francesco Perri ed il dirigente comunale alla cultura, Giuseppe Bruno. In un salone gremito dalla presenza di appassionati tra i quali anche i primi tesserati Amici dell’Orchestra e dai rappresentanti di diverse associazioni ed Istituzioni che hanno aderito in qualità di soci sostenitori, tra cui la vicesindaco del Comune di Corigliano-Rossano, Maria Salimbeni, il sindaco Franz Caruso ha evidenziato la volontà di rendere l’Orchestra Sinfonica Brutia, nata per iniziativa del Comune di Cosenza e del Conservatorio Giacomantonio, patrimonio di tutta la provincia bruzia e dell’intera Calabria.

“Abbiamo già avuto rassicurazioni circa l’adesione del presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e della presidente della Provincia di Cosenza, Rosaria Succurro – ha proseguito il Primo Cittadino – mentre raccogliamo l’adesione formale della Fondazione Giuliani, di Confapi Calabria, e stringiamo la collaborazione con I Licei musicali Lucrezia Della Valle di Cosenza e Gravina di Crotone. Insieme a quello di Associazioni ed Istituzioni, però, è importante il sostegno della città e dei cittadini che devono anche sentirsi orgogliosi di vantare nel proprio territorio la presenza di un tempio della cultura calabrese, qual è il Teatro Rendano, affinchè si possano rivivere i fasti del passato”.

“L’OSB deve crescere e fortificarsi– ha concluso il sindaco Franz Caruso – per diventare una realtà solida nel tempo e in grado di camminare da sola. E’ questa l’idea ambiziosa che coltiviamo e che vogliamo realizzare per una crescita sociale, culturale ed economica della città capace di irradiare non solo l’area urbana ma un territorio molto più vasto, dando anche la possibilità ai nostri giovani musicisti ed alle maestranze del settore di avere nella nostra terra prospettive serie di lavoro”.

Il cartellone di eventi è stato, quindi, presentato dal Maestro Francesco Perri che sull’indotto economico che può essere generato dalla presenza in città di un’orchestra ha portato gli esempi di Salerno e di Vicenza. “Noi abbiamo possibilità culturali infinite ed invidiabili – ha affermato il Maestro Perri – ma anche condizioni economiche favorevoli. Dobbiamo solo crederci”.

La stagione concertistica dell’OSB al Teatro Rendano prenderà il via sabato prossimo, 8 ottobre, alle ore 20.30, con il concerto di apertura “Il Romantico” dedicato a Schumann, violoncello solista Martina Biondi, talento tutto nostro che sta facendo una straordinaria carriera. Direttore Ferdinando Sulla. Un appuntamento al prezzo speciale di 10 euro. Dopo il concerto di apertura, altri sei appuntamenti, tutti in abbonamento, per finire il 1 gennaio con il tradizionale concerto di Capodanno. “Sarà questo un segnale forte, bello e positivo – ha affermato il Maestro Perri – per avvicinarci ad un’idea di musica come percorso da condividere insieme. Un concetto ben espresso nell’idea stessa di orchestra che rappresenta una sola voce attraverso tanti strumenti”. Info e biglietti presso l’agenzia InPrimaFila.

Articoli Correlati