“Venite pure avanti, voi, con il naso corto, signore imbellettate, io più non vi sopporto infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio, perché con questa spada vi uccido quando voglio...” (Francesco Guccini, Cirano -
HomeAgoràAgorà Reggio Calabria"Io avrò cura di te": il 4 aprile a Reggio Calabria la...

“Io avrò cura di te”: il 4 aprile a Reggio Calabria la presentazione dell’antologia del Papa sul volontariato

Si terrà giovedì 4 aprile alle ore 17:00, presso l’Auditorium “Diego Suraci” della Piccola Opera Papa Giovanni a Reggio Calabria, un incontro di lettura, riflessione e scambio intorno ad alcuni temi chiave del volontariato.

A partire dai molteplici spunti offerti dal volume “Io avrò cura di te. La chiamata per il bene comune”, edito da Libreria Editrice Vaticana e Solferino, Centro Servizi per il Volontariato di Reggio Calabria e Caritas Diocesana di Reggio Cal.-Bova promuovono un incontro che potrà rappresentare una opportunità motivazionale preziosa per i volontari e per tutte le persone che hanno a cuore il bene comune.

Al centro del dibattito – come dichiara Ignazio Giuseppe Bognonipresidente del Csv reggino – il libro curato da Riccardo Bonacina, giornalista e fondatore del giornale Vita non profit, che raccoglie in forma antologica alcuni interventi e discorsi di Papa Francesco sul volontariato, declinandoli in quattro macro-temi che ci stanno molto a cuore: essere volontari come scelta che rende liberi, l’impegno per il bene comune, il volontariato generatore di beni relazionali, la collaborazione che moltiplica la speranza.

È Maria Angela Ambrogiodirettrice della Caritas Diocesana Reggio Cal.-Bova e moderatrice dell’incontro, a illustrare il programma e il taglio dell’evento: dopo i saluti istituzionali – afferma – proporremo ai partecipanti a soffermarsi insieme a noi dentro alcune pagine del libro, ad ascoltare alcune testimonianze e a condividere riflessioni ed esperienze evocate dalla lettura condivisa.

Infine, una sessione dedicata al dialogo dei partecipanti con il curatore del libro, per ricercare e riscoprire, anche attraverso il suo sguardo speciale, l’essenza e la sostanza che muovono l’agire volontario, così da trarne ispirazione nel proprio cammino di impegno civile e solidale.

Articoli Correlati