“Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti” - Antonio Gramsci
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaIl "Parto delle Nuvole Pesanti" porta la "Periferia al centro della Città":...

Il “Parto delle Nuvole Pesanti” porta la “Periferia al centro della Città”: il 17 settembre l’evento sul lungomare di Catona a Reggio Calabria

Da un’idea del Parto delle Nuvole Pesanti nasce il progetto La Periferia al centro della Città, presentato da WMusic (World Music Made in Italy), vincitore del bando dedicato alle periferie, promosso dalla città metropolitana di Reggio Calabria e dal Ministero della Cultura / Direzione Generale Spettacolo. L’evento, che si terrà il 17 settembre 2022 sul lungomare di Catona – periferia nord di Reggio Calabria – nell’ambito di ReggioFest2022: Cultura diffusa, consisterà in un grande appuntamento di musica, teatro, arte e incontri, che porterà vita, suoni e cultura per togliere a questo splendido angolo di Calabria il senso dell’abbandono e restituirgli l’allegria e l’energia che vi sono da sempre radicate.
Protagonisti di questa speciale avventura, i musicisti del Parto delle Nuvole Pesanti i quali, con le loro canzoni, il loro amore per la propria terra, i loro funambolici cappelli, hanno costruito attorno all’idea della periferia al centro una giornata intera chiamando con sé altri artisti per una grande festa da condividere con il pubblico.

Programma

Gli eventi della giornata inizieranno già dal mattino con Periferia in movimento, spettacolo musicale itinerante che vedrà la OttoPiù Street Band portare in mezzo alla gente il proprio ritmo e la propria vitalità. Appuntamento per le strade di Reggio Calabria dalle 11.00 alle 13.00 e quelle di Catona dalle 17.00 alle 18.30.

Nel pomeriggio, lungo la spiaggia di Catona giovani artisti saranno protagonisti assieme ai cittadini di Scorci di periferia, un’estemporanea di pittura per lasciare tracce di colore dei mille volti della vita vissuta ai margini della città.

Alle 19.00, sullo stesso palco di Catona dedicato al concerto serale, si svolgerà un dibattito dal titolo La periferia al centro della città, condotto dal giornalista Raffaele Mortelliti direttore di Strill.it e Presidente dell’Associazione Urba. Al suo fianco interverranno, oltre a Salvatore De Siena de Il Parto delle Nuvole Pesanti e direttore artistico del progetto, Alessandra Coppola, politologa, Presidente dell’Associazione Apice, Youth worker e progettista europea; Eleonora Scrivo, scrittrice, referente Actionaid per la Calabria; Francesco Villari, scrittore, sceneggiatore, critico musicale, giornalista, esperto di comunicazione e autore teatrale. Ci saranno anche i saluti e gli interventi dei rappresentanti istituzionali della Città Metropolitana di Reggio Calabria che sostiene attivamente il progetto. Sul palco il Sindaco f.f. Paolo Brunetti, l’Assessora alla Cultura Irene Calabrò, l’Assessore al Welfare Demetrio Delfino, l’Assessora alle Politiche Giovanili Giuggi Palmenta.

La sera, a partire dalle 21.30 sarà il momento della musica e del teatro.
Sul palco, ad aprire la serata, Augusto Favaloro trio, cantautore reggino diventato nel tempo un punto di riferimento del cantautorato made in Calabria, grazie al suo spiccato piglio narrativo.
Ospite d’onore il popolare attore e cabarettista, Rocco Barbaro che porterà alla serata la sua carica di acuta ironia, con interventi tratti dallo spettacolo “menefotto” in cui racconta la sua esperienza di emigrante calabrese alle prese con la stressante realtà milanese ed altri momenti dedicati alla periferia di Reggio Calabria, con risvolti satirici e coinvolgenti.

Al centro di questo evento, il concerto del Parto delle Nuvole Pesanti con tutto il suo repertorio di storie e di fantastorie, di canzoni e di attenzione ai grandi temi sociali, tratte anche da progetti musiculturali della band, come Terre di Musica – Viaggio tra i beni confiscati alla mafia e La valigia d’identità. Uno spettacolo in cui i brani del nuovo album Sottomondi si alterneranno a quelli storici come Onda Calabra, L’imperatore e Ciani.

Il Parto delle Nuvole Pesanti

La proposta musicale del Parto è fatta di energia, poesia, denuncia sociale, innovazione e tradizione. La musica fonde stili e linguaggi differenti, dall’etno-rock mediterraneo degli esordi, passando per la canzone d’autore, fino all’originale world music abbracciata nell’ultimo disco Sottomondi, in cui la band racconta le periferie del mondo, un’umanità caleidoscopica e senza voce, fatta di bambini, donne, immigrati ed
emarginati, attraverso canzoni e musiche che servono per vivere, resistere e, a volte, cambiare. Il parto ha realizzato 13 album, avvalendosi di importanti collaborazioni di artisti e scrittori tra cui quella con Claudio Lolli, Roy Paci, Teresa De Sio, Fabrizio Moro, Carlo Lucarelli, Antonio Albanese, Carmine Abate e Vito Teti.

Portato su palchi importanti, sia nazionali (Primo Maggio, Premio Tenco, Sanremo Rock) che internazionali (New York, Bagdad, Fortaleza, Londra, Berlino, Lisbona, Praga, Budapest), è un crocevia di suoni e liriche, di ironia e allegria, miscelati a momenti teatrali e a imprevedibili follie, capace di coinvolgere il pubblico in danze sfrenate e in canti corali e di fare respirare l’aria di festa di piazza. Un live capace anche di far riflettere sul nostro tempo e di regalare suggestioni oniriche. Tra i brani di maggiore successo, si segnalano Onda Calabra, diventata colonna sonora di Qualunquemente, film di Antonio Albanese, che ha ottenuto la partecipazione al Festival del Cinema di Berlino e la nomination come Migliore Canzone al David di Donatello, Giorgio che ha avuto la nomination al Premio Amnesty International e L’imperatore che è stato considerato tra i mille brani più rappresentativi della storia della canzone italiana.

Rocco Barbaro è un comico e cabarettista italiano. È nato a Rivoli, in provincia di Torino, da genitori originari di Reggio Calabria. Inizia la sua carriera con alcune esperienze nel cinema, nel teatro e in televisione, per poi approdare a Zelig di Milano a fianco di David Riondino. Ha lavorato per Rai, Mediaset, LA7, Telemontecarlo e Radio 105 e in tanti teatri tra cui il Parioli di Roma e il Ciak di Milano. Di recente, ha pubblicato un libro, Menefotto!, dove racconta il suo rapporto con la città di Milano e da cui ha tratto un ispirato spettacolo dedicato alla figura dell’emigrante calabrese alle preso con lo stress padano.

Augusto Favaloro è un “intrattenitore d’autore” in grado di mescolare grandi successi italiani a musica inedita. Cantautore reggino, ha aperto il concerto di Biagio Antonacci a San Siro, è stato ospite della trasmissione “Amici” di Maria De Filippi” e premiato dalla trasmissione ” Glob”, condotta da Enrico Bertolino, per il miglior video di satira politica “Vola Silvio Vola”. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo album da solista: ” Normale?”.
Il loro brano “Wanda” ha avuto un ottimo successo ed è stato su Repubblica.it. Negli ultimi anni è diventato il cantautore di riferimento di Reggio Calabria e con la sua band Rubacuori ha pubblicato i videoclip “Tapisroulant” e “Love in Reggio Life”, che raccontano la città in maniera ironica e pungente.

La Ottopiù-Streetband nasce a Strongoli (Kr) dall’idea di coinvolgere la gente in strada, in modo da renderla partecipe di ciò che ascoltano, creando un mix di suoni, movenze e un pizzico di “follia”. Propone un connubio di generi musicali (funk, jazz, musiche orientali e balcaniche), rivisitati in chiave originale. Tanti sono gli eventi ai quali ha partecipato, dal programma Rai Agorà al Gran Galà del Circo di Crotone fino al “Peperoncino Festival” di Diamante (CS). Collabora con diversi artisti tra cui Il Parto delle Nuvole Pesanti di cui ha aperto alcuni suoi concerti calabresi.

Articoli Correlati