“È difficile dire la verità, perché ne esiste sì una sola, ma è viva e possiede pertanto un volto vivo e mutevole” - Franz Kafka
HomeAgoràAgorà CosenzaOicofobia: chiusa l'esposizione a Corigliano Rossano

Oicofobia: chiusa l’esposizione a Corigliano Rossano

Un evento importante, distintivo e di qualità, sia per il metodo di coinvolgimento di partner ed istituzioni nazionali ed internazionali, sia ancora una volta per i contenuti ed il forte messaggio sociale, culturale, turistico ed economico che, come già accaduto per l’analisi storica e la visione dei Marcatori Identitari Distintivi (MID) introdotte dal 1997, è ormai entrato nel lessico e nel dibattito dell’opinione pubblica regionale: stimolare e diffondere antidoti quotidiani all’oicofobia, ovvero quel disprezzo silenzioso, strisciante e pervasivo verso tutto ciò rappresenta la propria identità e la propria storia; una vera e propria patologia antropologica e politica, che coinvolge tutti, dalle istituzioni ai ristoratori e che in Calabria fa registrare paradossi giganteschi e assurdi punti di non ritorno.

È stato, questo, il leit motiv che, nell’ultima fine settimana, con la visita della presidente della prima commissione regionale affari istituzionali e generali Luciana De Francesco (giovedì 11) e dell’assessore regionale all’agricoltura Gianluca Gallo (venerdì 12), ha incorniciato la chiusura ufficiale ed il successo dell’Esposizione Straordinaria OICOFOBIA, con i dipinti realizzati dall’artista andaluso Santiago Ydáñez, curata dalla professoressa Maria Jesus Martinez Silvente, vice rettore dell’Università di Malaga ed allestita nel Concio della plurisecolare Fabbrica di Liquirizia Amarelli a Corigliano-Rossano.

Promosso dall’associazione europea Otto Torri sullo Jonio in occasione del suo venticinquesimo anniversario insieme alla Fabbrica ed al Museo della Liquirizia Amarelli, partito lo scorso mese di luglio con la residenza artistica di Ydáñez in Calabria e con l’inaugurazione dell’Esposizione, l’evento è sostenuto da Enel Italia Spa (partner ufficiale) e dalla Simet Spa, sotto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo e con i patrocini, tra gli altri, della Regione Calabria, dell’Ambasciata di Spagna in Italia, dell’Accademia delle Belle Arti di Roma, del Ministero del Turismo e del Ministero delle Politiche Giovanili.

Accolti dal Direttore di Otto Torri Lenin Montesanto e dal primo presidente dello storico sodalizio, il consigliere d’ambasciata Giovanni Donato, insieme al padrone di casa Fortunato Amarelli, sia la consigliera regionale De Francesco che l’assessore regionale Gallo hanno espresso parole di apprezzamento e di sostegno per l’impegno storico sui territori e per la provocazione artistica e culturale messa in campo dall’associazione europea in questi anni sui territori, in direzioni diverse e con eventi che hanno sempre lasciato il segno.

Tra i tanti intervenuti in questo weekend di ultima apertura al pubblico dell’Esposizione, dall’artista Renato Converso a Pina Amarelli recentemente insignita al Senato del riconoscimento di Alfiere del Made in Italy, da Guglielmo Caputo già assessore al turismo della Città di Rossano a Roberto Bonofiglio di Mi ‘Ndujio tra i partner principali dell’evento, lo stesso Santiago Ydáñez collegatosi in video conferenza dal suo laboratorio a Jaen che ha ringraziato Otto Torri sullo Jonio, Amarelli e la Calabria Straordinaria per gli stimoli condivisi e per la visione costruttiva sottesa al complessivo progetto Oicofobia, innovativo e destabilizzante, indispensabile ed unica uscita di sicurezza eco-sostenibile e durevole – ha scandito Montesanto portando i saluti del Presidente della Regione Roberto Occhiuto – per un ripensamento consapevole, autonomo e protagonista non solo della Calabria e di un Sud Italia sempre più meridiano ma di tutto il Mediterraneo.

Nel corso degli incontri, infine, è stata confermata la data di presentazione del Catalogo Ufficiale dell’Esposizione e dell’evento, che sarà curato dalla professoressa Martinez per l’Università di Malaga e realizzato grazie alla partnership di RUBBETTINO Editore e di MI ‘NDUJO, in programma per il prossimo 28 ottobre, con la partecipazione del Governatore Occhiuto e del Presidente della Giunta regionale spagnola dell’Andalusia Juan Manuel MORENO BONILLA, terra d’origine dell’Artista, al termine di un simposio internazionale sul valore aggiunto dei Marcatori Identitari Distintivi nella progettazione e nella competizione turistica globale.

Articoli Correlati