“L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari” - Antonio Gramsci
HomeFronte del palcoFronte del palco Vibo Valentia"Mary Poppins": a Filadelfia il teatro incontra le famiglie

“Mary Poppins”: a Filadelfia il teatro incontra le famiglie

Grande successo per “Mary Poppins”, musical organizzato e promosso dall’Istituzione Teatrale del Comune di Filadelfia e prodotto da “Teatro Incanto”, compagine d’eccezione di Catanzaro, che ha visto la partecipazione di oltre 40 attori nell’intera performance.

Le parole di Francesco Passafaro, regista dello spettacolo capolavoro di Pamela Travers ed interprete di Mr. Banks: «Siamo felici di essere tornati a Filadelfia, ospiti ancora una volta dell’Istituzione Teatro Comunale cittadina, dopo aver prodotto uno spettacolo su Falcone e Borsellino; questa volta abbiamo incontrato le famiglie, con ragazze e ragazzi, bambine e bambini di tutte le età: perché “Mary Poppins” è uno spettacolo per tutti, grandi e piccini!

Un ringraziamento doveroso all’amministrazione comunale che ci ha accolti e a Letizia, la Presidente, che ci ha fortemente voluti.

La speranza è quella di poter calcare nuovamente, e presto, il palco del teatro filadelfiese”.

La Presidente dell’Istituzione Teatrale, Letizia Dastoli esprime la soddisfazione propria e del Cda: «Per noi é sempre una grande emozione vedere una risposta così grande da parte del pubblico.

La scelta di un classico come “Mary Poppins” aveva lo scopo di regalare momentidi spensieratezza e felicità, insieme aoccasioni di riflessione che questi capolavori senza temposanno regalare.

Gli attori hanno letteralmente “abbracciato” il pubblico in sala, sorprendendolo per tutta la durata dello spettacolo.

Consentitemi una lode personale a Francesca Guerra, magistrale  nel ruolo di Mary Poppins, e ai piccoli Francesca e Paolo nei panni di  Jane e Micheal, incredibilmente a loro agio nonostante la giovane età”.

Per i prossimi appuntamenti in programma, l’augurio di tutta l’Istituzione Teatrale è quello di continuare a carpire il gusto di quante più persone possibili, sempre nell’ottica del maggior coinvolgimento dell’intera comunità filadelfiese ma non solo».

Articoli Correlati