“Ogni falsità è una maschera, e per quanto la maschera sia ben fatta, si arriva sempre, con un po' di attenzione, a distinguerla dal volto” - Alexandre Dumas - “I tre moschettieri”
HomeCalabriaReggio CalabriaReggio Calabria, tentato furto alla libreria “Spazio Open”: danneggiato il vetro della...

Reggio Calabria, tentato furto alla libreria “Spazio Open”: danneggiato il vetro della porta d’ingresso

Un tentato furto si sarebbe consumato nella notte ai danni della libreria “Spazio Open”, in via Filippini, nel Centro storico della città di Reggio Calabria.

Ignoti hanno sfondato e distrutto il vetro della porta di ingresso per introdursi all’interno dei locali, ma non avrebbero trovato ciò che stavano cercando. I libri, infatti, non sono stati toccati. Ad accorgersi del danneggiamento e a denunciare l’accaduto, gli editori Antonella Cuzzocrea e Franco Arcidiaco.

“I due solerti e professionali poliziotti intervenuti hanno confermato che si è trattato di uno scassinatore seriale che ha colpito sei esercizi tra via Aschenez e via Filippini. Il problema – ha commentato Arcidiaco in un post sui social – è che c’è in città una vera emergenza sociale; in città si registra una recrudescenza della microcriminalità, e da qualche mese la cittadinanza si trova a fare i conti con auto bruciate, taglieggiamenti, scippi, rapine, furti, aggressioni e violenze. Cittadini e imprenditori onesti sono allo stremo delle forze e la città affonda nelle sabbie mobili”.

In queste ore, è giunta ai due editori la solidarietà del presidente del Consiglio comunale di Reggio Calabria, Enzo Marra: “La mia vicinanza a Franco Arcidiaco per l’atto vandalico che ha riguardato lo Spazio Open da lui ideato. Un luogo di cultura al servizio di una città sempre più pervasa da una crisi sociale che preoccupa e non mi lascia indifferente.

Come la libreria Open altri esercizi commerciali, in centro città, hanno subito danneggiamenti: non un caso isolato dunque, ma un fatto allarmante, soprattutto per chi, ogni mattina con tanti sacrifici, alza una serranda per portare avanti un’attività che è lavoro, reddito, passione, dedizione, famiglia. In un contesto storico così complicato, i commercianti restano l’ultimo baluardo di prossimità economica. A loro va la mia solidarietà e la mia gratitudine”.

Articoli Correlati