“È difficile dire la verità, perché ne esiste sì una sola, ma è viva e possiede pertanto un volto vivo e mutevole” - Franz Kafka
HomeCalabriaWisea Eventi replica a Federazione Riformista: "Teatranti della politica che denigrano chi...

Wisea Eventi replica a Federazione Riformista: “Teatranti della politica che denigrano chi promuove il territorio. Zero fondi pubblici per il terzo OktoberFest Calabria”

“La Federazione Riformista di Rende, sotto le mentite spoglie dei suoi ispiratori e di soggetti avvezzi a dinamiche disfattiste e involutive di un territorio ricco e importante come quello che perimetra la nobile città di Rende, si attivano in questo specifico periodo a denigrare la legittima discrezionalità di chi amministra solo perché l’uva matura e gustosa di questi ultimi anni adesso appare loro come amara, non potendo arrivare a beneficiare più del nettare dei suoi ottimi frutti, come fatto maldestramente per anni mentre si era al governo del territorio.

Anni di sviluppo, princeps pro domo sua, a favore dei soliti noti, oggi tenuti lontani democraticamente dalla gente per bene, da tutti quei cittadini stufi dell’arroganza e della tracotante ignoranza culturale di uno sviluppo coeso, liberale, equo e irreversibile, dettato da chi amministra ma, soprattutto, da una classe imprenditoriale capace e non più succube di foschi meccanismi che agevolano sempre e soltanto i soliti noti.

Questa considerazione diventa per di più legittima quando, in tema di concessioni amministrative di beni pubblici a fini economici, nonostante la limitata discrezionalità di giudizio di un sindaco rispetto ad alcune situazioni, come quella in discussione, l’attuale Amministrazione di Rende ha comunque previsto ed emesso un regolare procedimento di gara per l’assegnazione temporanea dell’area mercatale di Via Parigi.

Un uso corretto, e non selvaggio, dello strumento giuridico dell’evidenza pubblica per l’assegnazione dei beni, manifestato con ampia pubblicità della manifestazione di interesse per la presentazione di proposte, a cui nessuna delle attività private riconducibili al soggetto principe di questa becera critica politica ha inteso partecipare per dimostrare di saper fare meglio degli scriventi e di riconoscere all’Amministrazione comunale le cifre che sono ritenute congrue dai cosiddetti Riformisti.

È sin troppo facile capire le infime provocazioni e anacronistiche motivazioni da campagna elettorale che spinge questi teatranti della politica ad esprimersi contro le persone perbene che lavorano per promuovere il territorio, oltre a creare sviluppo e occupazione, pur di danneggiare il proprio avversario.

Miopi di ancestrale scuola, rimasti ancorati agli attacchi e alle critiche gratuite piuttosto che lavorare avanzando sinergie e proposte utili al bene comune, a cui tanto si richiamano facilmente quando aprono bocca.

A quei pochissimi Riformisti di Rende, che parlano a sproposito di gioiello (ci dicano se di tipo architettonico, artistico, naturalistico, infrastrutturale…) quando si riferiscono all’area mercatale data in concessione agli scriventi, si comunica che gli affidatari scriventi versano alle casse comunali il canone mensile richiesto, con assoluta precisione e regolarità, oltre ad aver sottoscritto una costosa polizza fideiussoria a copertura di eventuali danni materiali del bene assegnato (costituito solo di asfalto in cemento, una recinzione in ferro e 5 torri faro) e a pagare per intero il consumo di energia elettrica ed acqua e la tassa dello smaltimento dei rifiuti differenziati.

I veri imprenditori, non i politicanti di professione con stipendio pubblico garantito, investono e rischiano i propri denari prima di godere delle più favorevoli previsioni.

Tanto che, compresa questa terza edizione, neanche un euro di contributo finanziario è stato concesso da alcun Ente pubblico di questa regione al gruppo Wisea.

A differenza dei parassiti che gestiscono servizi o che operano esclusivamente con i soldi pubblici, il nostro investimento crea un duraturo processo virtuoso di sviluppo locale e di forte propulsione per l’economia di un intero territorio che beneficia dell’evento, tanto da garantire un’occupazione temporanea per 300 persone e di far aumentare notevolmente gli incassi dei locali pubblici e degli alberghi, degli esercizi commerciali e delle attività di servizio.

Infine, ma non sarà l’ultima occasione di replica all’ignobile nota stampa diffusa dalla Federazione Riformista di Rende, sarà un piacere lavorare insieme a loro per verificare con le istituzioni deputate se vi siano stati in passato elementi sufficienti a far parlare di corretto funzionamento del Comune di Rende circa alcune assegnazioni di bene pubblico o di licenze e altro che possono aver danneggiato in qualche modo l’introito delle casse comunali o aver creato privilegi verso persone o entità private arrichitesi alle spalle dei rendesi”.

E’ quanto si legge in una nota stampa della Wisea Eventi.

Articoli Correlati