“Credo che non ci sia sogno più bello di un mondo dove il pilastro fondamentale dell'esistenza è la fratellanza, dove i rapporti umani sono basati sulla solidarietà, un mondo in cui siamo tutti d'accordo solla necessità della giustizia sociale e ci comportiamo di conseguenza” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaCatanzaroIl consigliere Critelli saluta la città: "Per me come se fosse l'ultimo...

Il consigliere Critelli saluta la città: “Per me come se fosse l’ultimo giorno di scuola, ma rimane la voglia di essere sempre in prima linea per la mia amata Catanzaro”

“Oggi ho partecipato all’ultimo  comunale della legislatura Abramo. Per me è come se fosse l’ultimo giorno di scuola, si tirano  le somme di tutto ciò che si è fatto. Devo dire che il mio percorso è stato pieno di soddisfazioni. Nonostante qualche errore di inesperienza, il resto è stato solo tanto apprendimento. Sono proprio gli errori commessi per inesperienza che oggi mi portano ad avere un bagaglio di consapevolezza maggiore della mia appartenenza al mondo politico”.

E’ così che il consigliere comunale uscente Andrea Critelli vuole salutare i suoi colleghi e la città.

“Oltre a ringraziare in modo particolare l’assessore Longo il presidente del consiglio regionale Filippo Mancuso e l’ex consigliere comunale  Demetrio Battaglia che mi hanno sostenuto in questa fantastica avventura, – prosegue – ringrazio il resto dell’amministrazione comunale per il bel lavoro fatto insieme. Tante le cose che sono riuscito a fare per la gente della mia città. Di tutto resterà nel mio cuore l’essere riuscito a ripristinare la navetta che oggi porta le persone malate all’interno dell’Ospedale Ciaccio”.

“Ho avuto modo di comunicare con queste persone che volevano soltanto essere ascoltati da un rappresentante dell’amministrazione comunale, e aiutarli come meglio ho potuto. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno creduto in me in questi anni e soprattutto la mia famiglia,- conclude il consigliere Critelli –  in particolare il mio papà che ora purtroppo non c’è più. Non dimenticherò mai quanto il mio papà fosse orgoglioso di me. Dopo questa bella esperienza ancor di più rimane in me la voglia di essere sempre in prima linea per la mia amata Catanzaro”.

Articoli Correlati