“Mi sono scocciato di sottostare alla legge del vivere civile che ti assoggetta a dire sì senza convinzione quando i no, convintissimi, ti saltano alla gola come tante bolle d’aria” - Eduardo De Filippo
HomeCalabriaCosenzaProgetto Pre.Di.Re. ASIT: iniziato lo screening al liceo "Scorza" di Cosenza

Progetto Pre.Di.Re. ASIT: iniziato lo screening al liceo “Scorza” di Cosenza

Pre.Di.Re. Prevenzione e diagnosi delle malattie renali è il progetto pilota di monitoraggio che ASIT – Associazione Sud Italia Trapiantati ha avviato fra gli studenti del Liceo Scientifico “G. B. Scorza” di Cosenza.

Un progetto complesso e ambizioso, finanziato dalla Regione Calabria con fondi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, fortemente voluto dalla presidente dell’ASIT Rachele Celebre e dal nefrologo Renzo Bonofiglio,  già direttore della UOC di Nefrologia, Dialisi e Trapianto dell’AO di Cosenza, accolto con favore dal dirigente dello Scorza Aldo Trecroci, firmatario di un protocollo grazie al quale verranno monitorati circa 1000 studenti, coinvolti anche nel processo di raccolta e analisi dei dati scientifici raccolti. Una novità per Cosenza e per il Sud Italia.

«Agli studenti che hanno dato adesione al progetto – spiega Rachele Celebre – si effettua l’esame del sangue e delle urine e viene approntata una scheda alimentare personalizzata elaborata della prof.ssa dell’UniCal Daniela Bonofiglio. Nella scheda anamnestica, redatta dal dott. Renzo Bonofiglio, vengono indicate eventuali patologie e fattori di ereditarietà. I dati raccolti verranno in seguito elaborati per redigere una statistica di carattere scientifico».

«L’esperienza dello screening nefrologico per la prevenzione delle malattie renali  – afferma Renzo Bonofiglio – si sta dimostrando una esperienza esaltante per il grado di coinvolgimento di tutto il plesso scolastico. Per questo va un sentito ringraziamento al preside Aldo Trecroci e alla professoressa Carolina Caracciolo che coadiuva i lavori. Un ringraziamento va anche agli studenti e alle loro famiglie che si sono lasciati coinvolgere con grande senso di responsabilità e sensibilità verso i problemi della prevenzione. Lo screening, per le dimensioni del campione, rappresenterà un valore aggiunto in termini epidemiologici e rappresenta la prima esperienza pilota che può essere estesa ad una più ampia popolazione scolastica regionale».

Insieme allo screening, l’ASIT ha programmato una serie di seminari sulla epidemiologia statistica, sulle malattie renali e sulle buone pratiche alimentari, nonché sulle metodologie di applicazione dell’Intelligenza artificiale alla gestione dei BIG DATA, il primo dei quali si terrà nell’Istituto scolastico il prossimo 18 febbraio e avrà come relatore il Prof. Giovanni Tripepi del CNR di Reggio Calabria. Le attività seminariali costituiscono un ulteriore supporto, specie per i ragazzi che hanno un orientamento biomedico, per future scelte consapevoli.

Il progetto “Pre.Di.Re.” si avvale della collaborazione del Comune di Cosenza attraverso l’Assessorato alla Salute, dell’Università della Calabria, con il Dipartimento di Farmacia, e dell’azienda Ecologia Oggi per lo smaltimento dei rifiuti speciali, e si svolge in partenariato con l’associazione di volontariato “Amici dei BAMBIni della chirurgia pediatrica”.

 

Articoli Correlati