Vibo Valentia
 

Vibo Valentia, Pagano: "Bene riapertura scuole, ma ciò avvenga in piena sicurezza con screening, rispetto delle regole e presìdi anti covid"

"Giusto e doveroso riaprire le scuole e far riprendere la didattica in presenza, consentendo agli studenti di riprendere a socializzare, ma altrettanto giusto è che ciò avvenga con il rispetto delle regole e l'adozione dei presìdi necessari ad evitare la diffusione del virus negli ambienti scolastici e, prima, nei mezzi di trasporto pubblico", lo sostiene Michele Pagano, coordinatore provinciale di Vibo Valentia della Lega- Salvini.

Pagano interviene in vista della riapertura delle scuole elementari e medie che avverrà domani sia nel capoluogo che in altri comuni del Vibonese. "Bene gli screening con i tamponi effettuati in questi giorni sulla popolazione scolastica a Vibo Valentia, un'ottima iniziativa che sarebbe opportuno replicare anche in altri centri – continua l'esponente della Lega – , ma questo non deve far abbassare la guardia e non è sufficiente visto l'andamento pandemico sul nostro territorio. A nostro parere servirebbe effettuare degli ulteriori tamponi ogni 10-15 giorni sui ragazzi e sul personale scolastico, invitando i genitori a fare lo stesso. Importante sarebbe, inoltre, sanificare quotidianamente le aule e gli ambienti scolastici in genere e stabilire uno scaglionamento degli ingressi e delle uscite in modo da evitare assembramenti dei genitori o degli accompagnatori fuori dalle scuole e sorvegliare che tutto avvenga in piena sicurezza e rispetto delle norme con gli agenti di polizia municipale o altre forze dell'ordine.".

Quanto al trasporto pubblico, Michele Pagano invita a "vigilare che sui mezzi si viaggi al 50% della capienza e che gli stessi siano utilizzati soltanto dagli studenti. Soltanto in questo modo avremo la garanzia di una ripresa in sicurezza per la tranquillità di tutti i genitori che in questo periodo si sono divisi tra chi vuole le scuole aperte e chi le vuole chiuse. Per il bene dei nostri figli – conclude il coordinatore provinciale della Lega -, le scuole devono essere aperte, ma con tutte le misure necessarie da risultare un luogo sicuro, più di quanto lo sia la casa dove dovrebbero rimanere chiusi per la Dad".