Vibo Valentia
 

Nursing Up Vibo Valentia ha aderito alla manifestazione romana del 15 ottobre

Nursing Up Vibo Valentia, organizzazione sindacale dei professionisti Infermieri, comunica di aver aderito, all'iniziativa organizzata dal Coordinamento Nursing Up Regione Calabria guidato dal Dr. Stefano Sisinni, con una importante delegazione, alla manifestazione nazionale che si è tenuta , giovedì 15 ottobre nel suggestivo e storico scenario del Circo Massimo a Roma.

Il Direttivo Provinciale, di Vibo Valentia, che da oltre dieci anni si distingue per le battaglie sul proprio territorio a difesa dei diritti di tutti gli Infermieri, ed ha contribuito al raggiungimento di molteplici obiettivi di cui hanno beneficiato tutti i dipendenti del comparto sanità dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia, ha partecipato alla protesta di Roma, che ha registrato la presenza di oltre duemila Professionisti , provenienti da tutta Italia che hanno sfidato anche le condizioni atmosferiche non favorevoli, e dimostrato profondo senso di responsabilità, nel rispetto delle regole e del distanziamento.

Il Coordinatore provinciale, Dr. Giuseppe Gliozzi, evidenzia che al centro della vertenza c'è la richiesta di un contratto autonomo per gli Infermieri, che consenta ai tanti professionisti di avere un trattamento specifico, indennità misurate al carico di lavoro e avanzamenti di carriera basati sulla propria storia lavorativa.

L'intervento del Presidente Nazionale, Dr. Antonio De Palma, un autentico appello per il miglioramento delle condizioni contrattuali ed il giusto riconoscimento della professione, con la richiesta per tutti gli Infermieri e per le altre professioni sanitarie laureate, di un riconoscimento economico specifico di almeno 500 euro al mese, che allinei gli stipendi a quelli dei colleghi europei.

Altre richieste del Sindacato, stabilizzazioni del personale precario, e piano nuove assunzioni ma no a forme contrattuali inaccettabili, es. partite iva.

Al termine della manifestazione è giunta la comunicazione, da parte del Ministero della Salute, che è stata avviata una istruttoria finalizzata alla realizzazione di quella area contrattuale autonoma che gli infermieri invocano da anni.