Reggio Calabria
 

Processo "Epilogo", i Carabinieri in aula: "Anche Seby Vecchio al funerale di don Mico Serraino"

vecchiosebydi Claudio Cordova - Ci sarebbe stato anche l'attuale presidente del Consiglio Comunale di Reggio Calabria, Seby Vecchio, al funerale dell'anziano patriarca Domenico Serraino, morto, nel proprio letto, come si addice ai grandi boss, nel marzo 2010. Ad affermarlo, nell'ambito del procedimento "Epilogo", che vede alla sbarra proprio le nuove leve della cosca operante tra San Sperato, Cardeto e Cataforio, sono stati proprio i Carabinieri che, per anni, hanno operato presso la stazione di Cataforio.

Il maresciallo Davide D'Aquila e l'appuntato Orazio Bianco, esperti di cose e persone in quel territorio, sono i sottoufficiali che il Comando Provinciale chiama per mostrare alcuni spezzoni delle immagini immortalate nel giorno dei funerali di don Mico Serraino. Una cerimonia funebre in cui le telecamere dei Carabinieri immortaleranno anche il 40enne Seby Vecchio, poliziotto in aspettativa,  a quel tempo assessore all'istruzione del Comune di Reggio Calabria e oggi presidente del Consiglio Comunale. Saranno proprio i sottoufficiali D'Aquila e Bianco a riconoscere il poliziotto con la passione per la politica, da qualche mese confluito nell'Udc, tra le persone presenti per il proprio cordoglio alla famiglia dell'anziano boss della 'ndrangheta.

Non è la prima volta che il nome di Vecchio viene associato alla cosca Serraino. Nel corso delle indagini successive al blitz "Epilogo", del settembre 2010, i militari dell'Arma ascolteranno anche i collaboratori di giustizia, cui l'Ufficio di Procura sottoporrà le foto degli indagati contenute negli album fotografici predisposti dal Reparto Operativo del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria. E a parlare di Vecchio è proprio il collaboratore di giustizia Vittorio Fregona che, da ex affiliato alla cosca Serraino, ha svelato agli inquirenti i nuovi assetti di una delle famiglie storiche della 'ndrangheta, capace di rigenerarsi grazie alle "nuove leve". Parlando di uno dei soggetti ritenuti vicini alla cosca, Antonino Pitasi, Fregona dirà: "Ha seguito la campagna elettorale di Seby Vecchio nel corso delle consultazioni elettorali del 2007".

In quell'occasione, Vecchio verrà eletto nella coalizione che appoggiava Giuseppe Scopelliti, che stravinse, con il 70% delle preferenze, sull'avversario Eduardo Lamberti Castronuovo.