Reggio Calabria
 

Taurianova (RC), l’assessore Monteleone contro la minoranza Pd: “Per voi la stabilizzazione degli LSU-LPU non è una priorità”

"Senza polemica alcuna è giusto rispondere alla nota diramata della minoranza consiliare del Pd ai quali sinceramente sfuggono diverse cose. In primis, precisiamo che la Giunta Comunale ha "alquanto frettolosamente" deliberato in vista di quanto previsto dalla legge di bilancio 2020, che sicuramente l'ex Sindaco non ha letto o quanto meno approfondito con chi di competenza". Inizia così una nota dell'assessore al Personale, Urbanistica, Agricoltura e Contrade Simona Monteleone.

"La suddetta legge 160/2019 (Legge di bilancio 2020) ai commi 495/497 prevede che, 'per il solo anno 2020 la stabilizzazione possa avvenire in deroga ai vincoli assunzionali previsti dalla normativa vigente'. Inoltre, è utile precisare che, siamo consapevoli del buon lavoro fatto dalla Commissione Straordinaria anche in materia di personale, ma sottolineiamo che abbiamo apportato un miglioramento a quanto previsto e ciò si evince dal fatto che è stata soppressa una categoria apicale che, attraverso il confronto con il Segretario Generale e con il responsabile del settore, abbiamo ritenuto non indispensabile per il funzionamento del nostro Ente – afferma – questo ha consentito di liberare delle risorse a favore del miglioramento di tutti i lavoratori stabilizzati a 18 ore, permettendo così di migliorare l'efficienza dei servizi da rendere alla cittadinanza. Per questo, ossia il miglioramento e la previsione delle ulteriori stabilizzazioni, per non lasciare "nel limbo della precarietà e dell'incertezza" gli ulteriori Lsu/Lpu, abbiamo immediatamente definito una nuova programmazione, tesa al raggiungimento, di detto importante obiettivo".

"Forse tutto ciò all'ex Sindaco sarà sfuggito, nella foga di poter cercare invano, di poter fare un appunto, all'operato dell'amministrazione – conclude la Monteleone – ritengo, infine, che strumentalizzare sulla pelle dei lavoratori ex LSU-LPU, padri e madri di famiglia, che da oltre 20 anni lavorano negli enti pubblici senza gravare sui bilanci comunali, non sia il modo migliore di fare politica. Noi a loro teniamo veramente, con i fatti e non con le vuote e inappropriate parole".