Letture
 

Il romanzo “Due verità svelate” di Giovanni Suraci partecipa alla 59^ edizione del “Premio Campiello”

Il libro dello scrittore Giovanni Suraci, nativo di Santo Stefano in Aspromonte e reggino di adozione, è in corsa per la selezione del prestigioso Premio Campiello 2021.

Il romanzo, edito da "Città del Sole ed.", già presente nelle librerie e nei siti on-line, è ambientato tra la Calabria e la Lombardia ed è collocato nel periodo storico della fine degli anni '60. La storia racconta il Sud e l'Aspromonte, con caratteri diversi ed originali rispetto ad una narrazione ormai tristemente diffusa e convenzionale. Esce con forza dagli stereotipi che identificano il Mezzogiorno d'Italia esclusivamente per gli aspetti negativi, disfattisti ed autolesionisti e rappresenta un Nord post-miracolo economico, in rigogliosa espansione, ma assoggettato a dei nascenti cinici interessi slegati dai fermenti positivi che avevano caratterizzato la rinascita dell'Italia nel secondo dopoguerra. Il racconto non nega i limiti e l'arretratezza di visioni e approcci, ma audacemente esplora anche la forza e la bellezza della gente e di una terra più sfruttata che amata, che seppure in una situazione di disagio sociale ed economico è ricca di dignità e di orgoglio.

Nel romanzo i territori del Mezzogiorno assurgono a simbolo dell'idea che la speranza di restare è coraggiosa mentre quella di partire è ardentemente necessaria. In questo contesto emergono ritratti familiari in cui la piccola e la grande Storia si intrecciano e da questo articolato intarsio affiorano paure, sentimenti, emozioni, legami tra le persone e i luoghi: emerge in modo spontaneo e disarmante tutto ciò che rende ogni comunità "affamata di vita".

Il protagonista è figlio di una generazione, che aveva lo sguardo rivolto verso i grandi ideali, ma era disattenta o addirittura pavida nel combattere il cancro di una criminalità che stava diffondendosi a macchia d'olio.

Il giovane Franco, personaggio chiave del racconto, dotato di un notevole bagaglio morale e culturale, per evitare di cadere nei tentacoli del malaffare, con determinazione e forza di volontà, si trasferisce in Lombardia, dove è accolto a braccia aperte dalla famiglia Riboldi.

In questo nuovo ambito trovano spazio anche i sogni e le speranze, le amicizie e i legami, la solidarietà e la nostalgia, l'identità e la diffidenza, lo sradicamento e il fiorire di una storia d'amore: tutto si mescola nella vita di persone e luoghi, nel mosaico di tradizioni e retaggi, di colori e spettacolari scenari che animano il romanzo e uniscono per la loro straordinaria bellezza le variegate regioni della penisola italiana.

Il protagonista rimane affascinato e sorpreso dai luoghi incantevoli che offre quel territorio: con i suoi attraenti laghi, che gli ricordano lo Stretto di Messina, e le protettive montagne dell'arco alpino, che gli richiamano i paesaggi incontaminati del suo amato Aspromonte. Scopre, grazie all'amabile compagnia della giovane Sveva Riboldi e della sua affiatata comitiva che l'Italia di quel periodo storico aveva un'identica "bulimia di vita", frutto di un risveglio successivo ai drammatici anni del secondo conflitto mondiale e alla lacerante guerra di liberazione.

In questo ambito ricco di vitale inquietudine scopre, con profondo sgomento, un'amara realtà che lo sconvolge. Ma, mentre nella sua terra d'origine non aveva avuto la forza di ribellarsi e combattere il contesto corruttivo emergente, quando, nella importante multinazionale dove aveva trovato lavoro, gli propongono di fare da tramite con la Calabria per lo smaltimento di rifiuti tossici, si fa coraggio, rifiutando le immorali proposte e con vigore si ribella. Quindi decide impulsivamente di denunciare i loschi affari che, suo malgrado, aveva avuto modo di scoprire. L'audacia del protagonista viene messa a tacere con una fine tragica e alquanto sospetta che avviene a Marghera, dove il porto commerciale si affaccia con disarmonica aggressività "sull'inconsapevole" mare Adriatico.

Franco, in questi luoghi che aveva incominciato ad amare per la loro straordinaria e, sino allora a lui sconosciuta bellezza, non si capacita della devastazione che l­­­'imponente espansione dei deturpanti insediamenti petroliferi stava producendo. Un territorio così lontano dalla sua terra d'origine, ma nello stesso tempo così seducente, nel quale il giovane idealista aveva riposto le aspettative e le speranze per un percorso di vita migliore rispetto a quello sino allora vissuto nel suo amato Sud.

Il romanzo, più che mai attuale per le tematiche trattate, con il suo epilogo drammatico, rispecchia le contraddizioni di una Italia meravigliosa in tutti i suoi contesti, ma che già cominciava ad essere vittima, da Nord a Sud, di un soffocante destino telecomandato da un crescente e sprezzante cinico profitto, in pieno contrasto con la voglia di vivere di uno straordinario popolo provato da tante, ancora vive, immeritate e laceranti ferite.

La Calabria e il Sud hanno necessità di essere narrati con amore e, soprattutto, con un taglio diverso rispetto a dei luoghi comuni che fanno moda, ma dai quali, con estremo coraggio, bisogna uscire per generare un percorso di speranza ad una popolazione che vuole chiudere con un passato fallimentare.

"Due verità svelate" riesce in pieno nell'obiettivo di presentare, con uno sguardo diverso, la complessa realtà che, ancora oggi, vede una contrapposizione irrealistica tra il Nord e il Sud della nostra amata Italia.