Crotone
 

Abramo Customer Care, convocato per il 14 maggio tavolo ministeriale

abramo-customercare"Il Vice Ministro del MISE, Alessandra Todde, ha comunicato di avere convocato per il 14 maggio prossimo il tavolo ministeriale sulla vicenda Abramo Customer Care". Lo rendono noto le parlamentari M5S Elisabetta Barbuto ed Anna Laura Orrico le quali, ieri sera, hanno incontrato in video conferenza il Vice Ministro, unitamente alla sottosegretaria al Ministero del Sud, Dalila Nesci, che sta seguendo con estrema attenzione gli sviluppi della crisi insieme a tutti i parlamentari. Presente all'incontro anche l'Avv. Giuseppe Donnici, esperto di procedure concorsuali a cui la deputata Barbuto, nei giorni scorsi, ha formalizzato l'incarico di proprio consulente per seguire gli sviluppi giuridici della vicenda.

"Come si ricorderà - dichiarano le deputate Barbuto ed Orrico -, tutti i parlamentari del M5S calabrese avevano sottoscritto una richiesta al MISE di convocare un tavolo di crisi, pur nella consapevolezza che la vicenda fosse, e sia, di esclusiva competenza del Tribunale di Roma deputato a decidere del concordato presentato dalla società Abramo già dal mese di novembre dello scorso anno.

A maggior ragione, oggi, - prosegue la nota - dopo la comunicazione della Abramo di avere presentato il 3 maggio u.s il piano concordatario, il tavolo appare non più procrastinabile per via dell'esigenza di garantire chiarezza e trasparenza sulla evoluzione della vicenda della quale non è dato conoscere che notizie frammentarie rilasciate dalla stessa proprietà. Informazioni che destano diverse perplessità sia nei lavoratori che negli addetti ai lavori, anche sotto il profilo squisitamente giuridico, sui tempi e sulle modalità della procedura concorsuale.

Siamo sicure - concludono le deputate - che il Vice Ministro Todde, di recente destinataria della delega alle crisi aziendali, saprà gestire la vicenda con la competenza professionale e la sensibilità che l'hanno sempre contraddistinta in situazioni analoghe e restiamo, sempre e comunque, a fianco dei lavoratori continuando a batterci concretamente per tutelare i loro diritti in questa nostra terra che può e deve scrivere pagine nuove di speranza nel futuro. Pagine di lavoro e di dignità".