Crotone
 

Concussione sessuale: ai domiciliari il sindaco di Petilia Policastro [NOMI]

nicolazziamedeosindacopetiliaC'e' anche il sindaco di Petilia Policastro, Amedeo Nicolazzi, tra le 8 persone indagate dalla Procura della Repubblica di Crotone per vari reati, peculato, falsita' ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, corruzione in atti giudiziari, concussione e violenza sessuale.

Nei confronti di Nicolazzi, il gip ha emesso un'ordinanza agli arresti domiciliari che non e' stata eseguita in quanto il sindaco e' ricoverato in un ospedale romano perche' colpito dal Covid. Le sue condizioni sarebbero gravi. E' indagato per concussione e violenza sessuale. Un provvedimento di arresti domiciliari e' stato emesso anche nei confronti dell'ex vicesindaco Francesca Costanzo.

 Il primo cittadino, candidato alle scorse regionali con Fratelli d'Italia e sospeso pochi giorni fa dal partito, e' stato posto agli arresti domiciliari. Nell'operazione sono coinvolte altre sette persone ritenute responsabili, a vario titolo, di peculato, falsita' ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, corruzione in atti giudiziari, concussione e violenza sessuale. Agli arresti domiciliari e' finita anche l'ex vice sindaco della cittadina del crotonese, Francesca Costanzo; divieto di dimora nella provincia di Crotone per Palmo Garofalo, imprenditore edile, Antonio Curcio, consigliere di maggioranza, Marilena Curcio, ex componente dello staff del sindaco, Vincenzo Ierardi, assessore ai lavori pubblici, Sebastiano Rocca, tecnico del Comune di Petilia, e Domenico Tedesco, direttore del dipartimento di Prevenzione dell'Azienda sanitaria provinciale di Crotone.