Cosenza, Corrado interroga il MiC sugli edifici demoliti e da demolire nel centro storico

"Poiché non ha pregio la rozza giustificazione del sindaco Occhiuto che gli edifici demoliti e (secondo lui) da demolire nel centro storico di Cosenza non presentano alcunché di rilevante dal punto di vista architettonico e storico, ho interpellato il ministro Franceschini (Atto Senato n. 3-02639 del 22 giugno 2021) per sapere "se non ritenga necessaria e urgente la creazione di un tavolo tecnico tra il Comune e la competente Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio allo scopo di adottare una seria strategia di salvaguardia del tessuto urbano storico e per evitare, tra l'altro, che agli interventi finanziati con i 90 milioni di euro che proprio il ministro Franceschini destinò al centro storico cosentino, riservati però, per ragioni mai del tutto chiarite, all'edilizia pubblica, si accompagni la creazione, tutto intorno a quelli, di un esteso campo di rovine che potrebbe suscitare gli appetiti degli speculatori.

"Vari soggetti politici e associazioni di Cosenza hanno infatti avanzato forti dubbi, nei giorni scorsi, sulle demolizioni fatte eseguire dall'Amministrazione comunale nel centro storico cittadino, con una ordinanza con tingibile e urgente a firma del vicesindaco, dopo i crolli del 12 giugno, negandone l'urgenza e denunciando la presunta mancanza delle necessarie autorizzazioni. Ho chiesto, perciò, innanzi tutto, se sia stata convocata preventivamente, e come si sia espressa al riguardo, la Commissione Regionale per il Patrimonio Culturale (Co.Re.Pa.Cu.), organo del Ministero della Cultura che viene convocato dal Segretario regionale. Più in generale, alla luce delle responsabilità in capo al MiC, 'se possa spiegare perché sia stato consentito all'amministrazione Occhiuto di strappare un altro importante tassello della forma urbis di Cosenza, praticando una nuova e larga ferita nell'antico tessuto urbano, nonostante la palese incoerenza tra l'emergenza causata dal crollo dei solai di un palazzo e l'azione demolitoria intrapresa, indirizzata su immobili diversi e distanti da quello danneggiato'. Il tavolo tecnico citato all'inizio è lo strumento imprescindibile per pianificare gli interventi, ordinari e legati alle emergenze, da eseguire nella città vecchia, e, oltre al Comune e al MiC, devono trovarvi posto tutti i portatori di interessi, perché la gestione di quel tesoro di memorie, dei Cosentini ma non solo dei Cosentini, che è il centro storico della città bruzia, meritevole di conservazione e promozione, non può in alcun modo essere discrezionale, bensì rispettosa delle previsioni di legge".

E' quanto si legge in una nota della senatrice de 'L'Altenativa C'è' e componente della commissione Cultura, Margherita Corrado.

Creato Giovedì, 24 Giugno 2021 16:15