Cosenza
 

Cesare Battisti in sciopero della fame, una delegazione in carcere per verificare le sue condizioni di salute

Battisti-CesareIl 25 giugno prossimo, l'On. Enza Bruno Bossio unitamente all'avvocato Adriano D'Amico, quest'ultimo in rappresentanza del Comitato di Solidarietà Internazionale a Cesare Battisti, si recherà nel carcere di Rossano per far visita appunto a Cesare Battisti, in sciopero della fame dal 2 giugno per protestare contro il collocamento presso la sezione del carcere calabrese destinata ai terroristi islamici, contro il mancato rispetto dell'ordinanza n.3/2019 emessa dalla Corte d'Assise d'Appello di Milano che riferisce non potersi applicare nei suoi confronti il regime ostativo di cui all'art 4 bis della Legge n. 279/2002, poiché successiva ai reati da lui commessi e senza efficacia retroattiva.

La delegazione - si legge in una nota - accerterà le condizioni di salute del detenuto e valuterà se viene rispettato, con riferimento alla sua collocazione e rispetto a quanto sta emergendo in questi giorni sui media nazionali, l'art. 27 della Costituzione irca l'applicazione della pena ed il fatto che non può consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e deve tendere sempre alla rieducazione del reo.