Cosenza
 

Parte oggi a Cosenza il DeGustando, performance, gesto e teatralità con più di 50 attori coinvolti

Parte stamane, al Castello di Cosenza, "DeGustando": la rassegna culturale calabrese che unisce l'arte al cibo, la didattica alle emozioni. "Partendo dall'assunto che il cibo è anche gioco e creatività, performance, gesto e teatralità proprio come la moda, anche se le loro esecuzioni sono espresse in modalità diverse, l'idea è quella di coinvolgere il pubblico mediante delle performance didattico/culinarie", ha spiegato in questi giorni Corrado Rossi, anima della Maccaroni Chef Academy e ideatore della rassegna. Obiettivo è quello di promuovere e valorizzare la cultura regionale e sostenere la fruizione degli attrattori culturali attraverso il cibo e le arti. Il programma è strutturato all'insegna del gusto e della tradizione ma soprattutto della salute. Incontri e talk sul cibo sostenibile e sulle diete "più sane del mondo" con uno sguardo ai cosiddetti "SmartFood" ovvero i cibi che proteggono la salute.

Oggi, venerdì, si discuterà di "Cibo, arte e mestieri di una volta"; la seconda – sabato 19 – su "cibo e nutrizioni sostenibili del futuro"; mentre la terza – domenica 20 – "salute e smart food 4.0"

Si potranno seguire le dirette sulle pagine social dell'evento. La rassegna rientra nell'ambito del PAC CALABRIA 2014/2020 AZ. 1 - TIP. 1.2 annualità 2019.

Tantissime le istituzioni presenti: il comune di Spilinga, il Gal Terre Vibonesi, Il consorzio Patate Igp della Sila, il Museo del Cibo e del Bergamotto DI Reggio Calabria, l'ordine dei Dottori Agronomi e Forestali e Mpi. Numerose le aziende coinvolte nella rassegna tra queste il Mec (Mercato delle Eccellenze Calabresi), TerrAegusto di Mormanno, Panificio di Cuti, IGreco, Gemelli Giraldi, Senatore Vini, Pastificio Forte, Frantoio La Molazza, Antichi Sapori, Acroneo Vini, Laboratorio Lucchetta di Ciró, Liquorificio 1864, Aiello caffè, Colavolpe e Bellantone di Spilinga. Uno spazio riservato anche alle associazioni: saranno presenti l'associazione Zafarana di Tortora, la Federanziani Calabria, Aipd (associazione italiana persone down), la Uici (unione italiana ciechi e ipovedenti), Associazione Biologi senza Frontiere. E non mancano le eccellenze dell'artigianato orafo e della moda calabrese rappresentate dal maestro Gerardo Sacco e dall'artista Luigia Granata.