Cosenza
 

+++++Ultim'ora+++++  Amministrative 2020: A Reggio Calabria e Crotone sarà ballottaggio. In riva allo Stretto si sfideranno Giuseppe Falcomatà e Antonino Minicuci. Battaglia tra Manica e Voce nella città pitagorica. Sergi eletto sindaco di Platì, Policaro stravince a Polistena. Torna la democrazia a Scilla, Limbadi e San Gregorio d'Ippona. A Taurianova Roy Biasi straccia l'ex sindaco Fabio Scionti. Aggiornamenti in tempo reale sul voto in Calabria

Rende, terremoto nella Federazione Riformista: il gruppo dei giovani lascia il movimento

"Attraverso una lunga e sofferta riflessione, con profonda stima e rispetto delle persone con le quali abbiamo condiviso la stessa casa politica, nella quale siamo cresciuti, dove abbiamo appreso principi, valori e conoscenze che saranno sempre la nostra stella polare, abbiamo maturato l'idea di fare nostri i suggerimenti a camminare con le nostre gambe che sono venuti fuori, nei nostri riguardi, durante le ultime riunioni ufficiali dell'ufficio di presidenza e del gruppo consiliare riformista, aventi come focus la costituzione giuridica della così detta Federazione Riformista.

Raccogliere questi suggerimenti è diventata per noi l'unica via percorribile, onde evitare il nascere di eventuali ed inopportune tensioni viste le diverse difficoltà palesatasi nel dare concretamente forza al gruppo rimasto operativo in seguito all'esito delle amministrative del 2019 ed in base a quanto affermato da noi riformisti nell'ultima campagna elettorale in merito alla valorizzazione di una nuova classe dirigente.

Riteniamo che a Rende sia giunto il tempo per noi sottoscritti, persone che amano il proprio territorio e che sono pervase da un'autentica passione politica, di assumerci la responsabilità delle scelte, così da contribuire, insieme a quanti lo riterranno opportuno, alla futura crescita della nostra comunità.

La sofferta decisione si rende necessaria perché non sono state fattivamente recepite e tenute in debita considerazione le diverse istanze da noi proposte e messe nero su bianco tanto nella "bozza atto costitutivo" quanto nella "bozza statuto" del futuro soggetto politico riformista che avrebbe dovuto vedere la luce, istanze che sono state sostanzialmente ignorate da una parte del gruppo dirigente.

In tali bozze erano presenti pensieri, valori, regole ed orgogliosa appartenenza ai nostri valori riformisti-socialisti che, dal 1952 e fino ai primi anni del decennio appena trascorso, hanno reso possibile la crescita culturale, sociale ed economica della città di Rende, cosa che noi sempre rivendicheremo.

Queste istanze, secondo noi, avrebbero rappresentato pienamente un punto di equilibrio, di chiarezza e di garanzia reciproca sul futuro impegno politico di noi riformisti, nella consapevolezza, da parte nostra, che quanto contenuto nella stesse bozze fosse fondamentale per una più decisa ripartenza di un'azione politica capace di interpretare i veloci mutamenti della società globalizzata.

Al contrario, nel corso degli incontri, ci si è soffermati su altri aspetti, "diverse metodologie", riguardo l'iter da seguire per la costituzione della Federazione Riformista, sottovalutando, conseguentemente, l'impegno di persone che in questi anni difficili hanno dimostrato coerenza, costanza e senso di appartenenza alla Storia riformista-socialista di Rende.

Sarebbe inutile sottolinearlo data la nostra provenienza politica e le idee che intendiamo portare avanti ma, a scanso di equivoci, ribadiamo che noi resteremo coerentemente e convintamente alternativi al Sindaco che, da ormai sei anni, è alla guida della nostra città.

Siamo sempre convinti, inoltre, che per la città di Rende sia di estrema importanza ritornare ad una Politica Alta e realmente al servizio dei cittadini, così da rasserenare il clima politico cittadino al fine di poter programmare con lucidità il futuro della nostra comunità.

In conseguenza di quanto sopra esposto, nella sede deputata abbiamo già rassegnato le nostre dimissioni dagli organismi dirigenziali riformisti ritenendo conclusa l'esperienza politica della Federazione Riformista.

Nel mese di Settembre la nostra intenzione è quella di lanciare una nuova associazione politico-culturale sul territorio, aperta ai contributi di quei cittadini e di quelle associazioni che vorranno collaborare con noi per riportare Rende ad essere una florida realtà della Calabria e del Mezzogiorno".

Lorenzo Principe, Coordinatore Federazione Riformista

Michele Morrone, Capogruppo in Consiglio Comunale Federazione Riformista

Mirko Giacomo Francesco Di Maria, Ufficio di Presidenza Federazione Riformista

Gianluca De Rango, Ufficio di Presidenza Federazione Riformista

Bianca Maria Iusi, Ufficio di Presidenza Federazione Riformista

Francesco Midulla, Ufficio di Presidenza Federazione Riformista

Andrea Ferretti, Ufficio di Presidenza Federazione Riformista

Francesco Pasqualino Plastina, Direttivo Federazione Riformista

Francesca Cufone, Ufficio di Presidenza Federazione Riformista

Francesco Cavaliere, Ufficio di Presidenza Federazione Riformista

Carlo Scola, già Consigliere Comunale e membro Ufficio di Presidenza Federazione Riformista