Catanzaro, sottoscritto e depositato il nuovo accordo territoriale per i contratti a canone concordato

È stato sottoscritto in sede sindacale e depositato presso il Comune di Catanzaro il nuovo accordo territoriale per i contratti concordati di locazione per la città di Catanzaro, i quali riguardano le tre tipologie di contratti per esigenze ordinarie di abitazione, per esigenze transitorie e per studenti universitari.

A renderlo noto sono le organizzazioni rappresentative della proprietà immobiliare e dell'inquilinato.

Lo stesso, frutto di un lungo lavoro preparatorio, da approfonditi studi e ricerche e dall'intesa raggiunta della organizzazioni sindacali rappresentative sia a livello nazionale sia a livello locale della proprietà immobiliare, Confedilizia Catanzaro, rappresentata dal presidente avv. Sandro Scoppa, e dell'inquilinato, Sunia-CGIL Calabria, rappresentata da Francesco Alì e Gaetana Pesce, Sicet-Cisl Catanzaro, rappresentata da Raffaele Rotundo, Uniat-Uil Calabria, rappresentata da Alberto Frontera, e Conia Catanzaro, rappresentato da Francesco Severino, segna un momento importante per la città capoluogo di Regione e conferma, nello stesso tempo, l'impegno delle medesime OO.SS. verso un settore, come quello immobiliare, che da tempo soffre una crisi profonda.

È un accordo che - si legge ancora nel comunicato stampa delle organizzazioni rappresentative della proprietà immobiliare e dell'inquilinato - rispecchia le attuali tendenze del mercato immobiliare e le indicazioni contenute nella banca dati dell'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate, e risponde contestualmente alle esigenze di proprietari e conduttori, che potranno sottoscrivere i tipi di contratto previsti dal DM 16 gennaio 2017, avvalendosi dell'agevolazione fiscale della cedolare secca al 10%. Quest'ultima si sostanzia nel pagamento di un'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell'immobile). In più, per i contratti sotto cedolare secca si pagano l'imposta di registro e l'imposta di bollo, ordinariamente dovute per registrazioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione
L'accordo siglato a Catanzaro, che sostituisce sin dal 23 settembre 2021 quello depositato il 17 ottobre 2017, presenta anche una particolare importanza politica in quanto esprime un tipico esempio di contrattazione sindacale di elevato profilo collegato a efficaci relazioni sindacali, peraltro foriere di interessanti sviluppi nel settore abitativo nell'intero territorio regionale.

Per illustrare il contenuto dell'accordo, e fornire tutte le informazioni sui contratti concordati e sulla cedolare secca, le organizzazioni sindacali indiranno a breve una conferenza stampa

Copia dell'accordo è disponibile nel sito di Confedilizia Catanzaro (www.confediliziacz.it), del Sunia-CGIL Calabria, del Sicet-Cisl, dell'Uniat-Uil.

Creato Giovedì, 23 Settembre 2021 15:43