Calcio
 

San German da Pellaro addenta i Pandorini: tra Reggina e Chievo finisce 1-1

20190827 121921di Paolo Ficara - Pandorini indigesti. Tolto l'Empoli, è sicuramente il Chievo di Alfredo Aglietti l'avversario che ha creato più problemi alla Reggina tra andata e ritorno. Al "Granillo" finisce 1-1, con la rete al 47' di Djordjevic pareggiata in extremis all'88' da un indomito German Denis. Due legni colpiti dalla formazione ospite, uno per tempo ed entrambi con Canotto. Amaranto dalla manovra farraginosa ed autori di diverse ingenuità nei vari reparti.

LE SCELTE – Squalificato Loiacono, in difesa c'è spazio per Cionek ma non solo. Dalle Mura viene preferito a Stavropoulos e debutta da titolare, mentre Di Chiara si riprende il posto a sinistra. Davanti a lui c'è Edera preferito a Bellomo. In avanti spazio a Montalto, che vince il ballottaggio a tre con Denis ed Okwonkwo. Aglietti si affida al 4-2-3-1, con Canotto mezzapunta centrale che si rivelerà molto fastidioso.

GLI OSPITI CONDUCONO IL GIOCO – Già dalle prime battute si nota un Chievo più in palla rispetto agli uomini di Baroni. In due minuti prima Nicolas sventa un gran destro di Garritano dal limite, poi Obi spreca di testa. Gli amaranto reagiscono a metà primo tempo, ma Semper si deve adoperare solo su qualche cross insidioso. Nicolas deve ancora volare su una punizione di Ciciretti, mentre non può nulla su un destro secco di Canotto che si accentra dopo aver saltato Cionek: palla sul palo, con Djordjevic a sprecare clamorosamente sulla ribattuta.

VANTAGGIO MERITATO – Il primo tempo si era chiuso con un dubbio, riferito alle condizioni di Nicolas che appariva indolenzito dopo un rinvio, ed una certezza costituita dalla sontuosa prestazione di Dalle Mura. Proprio il classe 2002 però si fa subito imbambolare ad inizio ripresa: a Djordjevic, pescato in profondità da Garritano, non pare vero di essere portato sul destro verso l'interno e da distanza ravvicinata non dà scampo a Nicolas. L'estremo difensore della Reggina viene battuto anche in un'altra occasione, quando Canotto riesce a penetrare in area sugli sviluppi di un corner: palo interno e sfera che danza fino al legno opposto.

SALVATI DAL TANQUE – Baroni aveva attinto dalla panchina già all'intervallo, levando Edera e Montalto per dare spazio a Bellomo ed Okwonkwo. Mosse che faticano ad incidere, almeno fin quando Bellomo non viene dirottato a destra mentre al nigeriano si affianca German Denis, cui lascia il posto un incerto Rivas. Uno dei più brutti secondi tempi del 2021 per gli amaranto, vede spuntare la testa del Tanque a due minuti dal novantesimo: Lakicevic crossa sotto la trequarti, un pallone che 9 volte su 10 è preda dei difensori avversari. Non quando c'è lui, German da Pellaro, 40 anni il prossimo settembre, che incorna in volo d'angelo e dedica il gol alla madre.

ORA LA SOSTA - Oltre al Tanque, possiamo contare Bellomo, Bianchi, Lakicevic, Di Chiara e Liotti per i pochi minuti concessigli, tra quelli a lottare con raziocinio. Tanti, troppi gli errori di valutazione o di misura commessi dal resto della squadra. Aglietti ha sicuramente studiato pregi e difetti della Reggina targata Baroni, limitandone i primi ed evidenziandone i secondi. Sempre tante maglie gialloblu nei punti in cui cadeva il pallone, a non far respirare una squadra che punta su lanci ed ampiezza. Ora c'è la sosta: gli amaranto torneranno in campo venerdì 2 aprile a Venezia. C'è il tempo dunque per recuperare un fondamentale Folorunsho e raccogliere gli ulteriori punti per mettersi al riparo da sempre più improbabili incubi, dopo il pareggio di ieri tra Reggiana e Cosenza che restano in zona playout a quota 29 ciascuna.

REGGINA – CHIEVO 1-1

Reti: 47' Djordjevic, 88' Denis

REGGINA (4-1-4-1): Nicolas; Lakicevic, Cionek, Dalle Mura, Di Chiara (89' Liotti); Crisetig; Rivas (72' Denis), Bianchi, Crimi (61' Micovschi), Edera (46' Bellomo); Montalto (46' Okwonkwo). A disposizione: Guarna, Plizzari, Delprato, Stavropoulos, Chierico, Situm, Menez. Allenatore: Baroni.

CHIEVO (4-2-3-1): Semper; Bertagnoli, Leverbe, Gigliotti, Renzetti (69' Cotali); Palmiero, Obi (35' Viviani, 69' Zuelli); Ciciretti (79' Mogos), Canotto, Garritano; Djordjevic (79' Margiotta). A disposizione: Seculin, Bragantini, Colley, Giaccherini, Pavlev, Priore, Munaretti. Allenatore: Aglietti.