Operazione “Cerchio Magico”, Corrado, Abate, Granato e Morra (M5S) plaudono comandi di Arma e TPC

Esattamente un mese fa, il 29 ottobre 2021, i Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) rendevano nota l'avvenuta notifica a Cosenza, nel Cosentino e a Torre Annunziata (NA) dell'avviso di conclusione delle indagini preliminari per nove soggetti coinvolti nella complessa investigazione denominata Cerchio Magico, durata 4 anni, condotta dai militi del TPC-Nucleo di Cosenza e coordinata dalla Procura del capoluogo bruzio. In attesa di conoscere gli esiti ulteriori, nei giorni scorsi i senatori calabresi Rosa Silvana Abate, Margherita Corrado, Bianca Laura Granato e Nicola Morra hanno scritto una nota al Comando Generale dell'Arma e a quello del TPC per esprimere loro compiacimento e gratitudine per il lavoro svolto.

"I reati contestati agli indagati (falso in atto pubblico, rivelazione di segreti d'ufficio, abuso d'ufficio e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente), già odiosi in sé, lo sono ancor più" – scrivono i 4 parlamentari – "quando l'infedeltà all'Amministrazione e la distrazione di denaro pubblico penalizzano un settore strategico quanto delicato, ed in perenne difficoltà finanziaria, com'è quello dei beni culturali." E ancora: "Tanto più lodevole, in questo contesto, è l'azione del TPC, che dimostra di non soffrire alcuna sudditanza psicologica nei confronti di funzionari e dirigenti del dicastero dal quale funzionalmente dipende e di perseguire invece costantemente l'interesse dei cittadini".