Occhiuto: "Chiederò al Governo risorse per la Calabria"

Occhiuto Sky"Io ho lavorato con i ministri Gelmini, Brunetta e Carfagna quando sono stato capogruppo di Forza Italia, e credo siano tra i migliori ministri del governo Draghi. Forza Italia è orgogliosa di avere ministri di tale valore e con tante competenze. Non capisco però quale sia l'appiattimento: sui temi più divisivi tra la Lega e il governo, Forza Italia è sempre stata dalla parte di Draghi".

Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente eletto della Regione Calabria, intervenendo ad "Agenda", su SkyTg24.

"Mi riferisco, ad esempio, ai vaccini e al green pass. Anche la Forza Italia che non è al governo, mi riferisco a Tajani e Ronzulli, sulle questioni che davvero hanno rischiato di mettere in crisi la maggioranza di governo, hanno sempre assunto posizioni molto vicine a Draghi.

E poi, Draghi è il presidente del Consiglio ed è lì per una intuizione felice e lungimirante di Berlusconi, quindi non c'è alcuna differenza nella linea politica. Poi, sulle prospettive e sul modo di guidare il partito si può discutere, ma si tratta di questioni che non riguardano gli elettori.

Agli italiani non interessa capire quante persone si siedono ad un tavolo per prendere decisioni, ma quali decisioni prenda quel partito".

"Il centrodestra è con Berlusconi, che ha dimostrato di essere in forma e di saper parlare agli italiani".

Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente eletto della Regione Calabria, intervenendo ad "Agenda", su SkyTg24.

"Il centrodestra ha altri due leader straordinari, Salvini e Meloni: hanno preso due partiti al 4% e ne hanno fatto due partiti nazionali, ma forse dovrebbero imparare da Berlusconi a federare il centrodestra.

Quando Berlusconi creò il centrodestra mise insieme anime differenti, esperienze molto complesse ma diverse tra loro e lo fece conquistando poi la guida del Paese e assicurando all'Italia, all'Europa, che un centrodestra di governo ci può essere.

Salvini e Meloni sono grandi leader di partito, ma non sono ancora leader di coalizione. Una cosa è ottenere risultati per il proprio partito, un'altra costruire e amalgamare una federazione che si candida a governare e ad avere consenso in Italia e in Europa.

Su questo credo che 'i due allievi' qualche lezione dal 'maestro' Berlusconi dovrebbero ancora prenderla".

"La mia Regione è ancora meno organizzata delle altre per fronteggiare il fenomeno dell'immigrazione. Il sindaco di Roccella si è giustamente lamentato che non può una amministrazione comunale fare fronte a sbarchi ormai quotidiani".

Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente eletto della Regione Calabria, intervenendo ad "Agenda", su SkyTg24.

"La ministra Carfagna è stata molto brava, ha tenuto la barra dritta e le risorse per il Sud ci sono. Ora, però, bisogna saperle spendere, velocemente. Il Pnrr non rappresenta una possibilità solo per le risorse economiche, ma ci dà anche l'opportunità di riformare l'apparato burocratico".

Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente eletto della Regione Calabria, intervenendo ad "Agenda", su SkyTg24.

"Oggi stanno partendo vagoni di risorse per le infrastrutture del Sud, per la digitalizzazione, ma abbiamo bisogno dei macchinisti che guidino questi convogli, altrimenti le risorse si perdono su un binario morto. È stato così anche in passato. L'Europa, per quanto riguarda il Sud, ci dice da tempo che c'è un difetto di capacità amministrativa, una burocrazia incapace di spendere queste risorse nei tempi dovuti.

Le Regioni devono essere coinvolte negli indirizzi di spesa, ma devono essere anche aiutate ad avere il personale amministrativo capace di realizzare le indicazioni che danno i decisori politici.

Ha fatto molto bene il ministro Brunetta a selezionare mille esperti, io spero che saranno disponibili per le Regioni in tempi brevissimi, da affiancare ai governi regionali per spendere queste risorse nei vari ambiti. Noi ne abbiamo grande bisogno, abbiamo tantissime possibilità date dal Pnrr.

La Calabria ha il più grande porto del Mediterraneo, quello di Gioia Tauro, una risorsa per tutto il Paese, eppure abbiamo bisogno di investimenti che permettano di collegarlo alle altre infrastrutture.

Abbiamo necessità dell'Alta velocità: è assurdo che in Calabria non ci sia l'Alta velocità e l'Alta capacità ferroviaria.

Ecco, su questo vogliamo un grande intervento da parte del governo nazionale. Noi gli assicuriamo che avrà nel governo regionale un alleato leale e disponibile".

"Appena insediato parlerò con il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, e chiederò al governo, intanto, di dare le risorse alla Calabria per fronteggiare questo problema.

E poi, l'Italia deve avere la capacità di farsi sentire un po' di più su questo tema in Europa, perché il problema dei migranti non riguarda solo i Paesi di frontiera o le Regioni di frontiera, come la mia, ma l'Unione europea nel suo complesso".