Sbarchi in Calabria, la Lega al ministro Lamorgese: "Situazione insostenibile"

Lamorgese-LUCIANA"La Calabria e' divenuta oramai una terra di continui sbarchi di migranti, tanto da subire e salvare, nello stesso tempo, centinaia di vite umane. Negli ultimi due giorni sono arrivati quasi mille persone, tra le quali anche soggetti positivi al Covid. I Comuni e le associazioni di volontariato si stanno prodigando per fornire un minimo di assistenza a questi disperati, ma sono ormai allo stremo e non possono piu' garantire quasi nulla. Gli appelli alle Istituzioni sono continui, ma del tutto inutili". E' quanto afferma, in una lettera inviata al ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese e ai prefetti di Reggio Calabria e Crotone, il commissario regionale della Lega, Giacomo Saccomanno. "Lei Signor Ministro ha consentito e consente - afferma Saccomanno - il mantenimento di una situazione disumana e di grave pericolo per la salute e l'ordine pubblico. Non si comprendono quali siano le linee guida del Suo ministero e come pensa di affrontare questa emergenza quotidiana. Un vivere alla giornata che sta piegando la resistenza di chi pensa di poter, veramente, aiutare questa povera gente che scappa, a volte, da guerre e persecuzioni e che sbarca in Calabria per vivere in centri 'ghettizzati' oppure per girovagare nei territori, al fine di poter trovare un riparo e qualcosa da mangiare". "Non Le sembra - sostiene ancora il commissario regionale della Lega - che i calabresi e gli italiani non ne possano piu' di presunte politiche dell'accoglienza che, invece, non sono altro che la creazione di 'lazzaretti' ove parcheggiare chi ha tanto sofferto, senza riuscire a dare delle risposte dignitose e umane? Assuma con coraggio delle decisioni, che, certamente, Le competono ed alle quali non puo' sottrarsi, e metta in campo un percorso e un progetto che consentano sia di fornire, da una parte, risposte dignitose ed umane a chi scappa da guerre e persecuzioni e, dall'altra, non crei 'lazzaretti', che sono l'avamposto di un possibile esercito di futura criminalita'. Lei, in questo momento si sta assumendo una pesante responsabilita': quella di fornire alla 'ndrangheta un possibile esercito di manodopera. Gente disperata e senza risorse che vengono lasciate, spesso, sole e che non hanno come fare per poter sbarcare il lunario. Facili prede della criminalita' organizzata. Le sembra corretto per uno Stato che nella solidarieta' e accoglienza si e' sempre distinto?".

"Le sembra possibile - prosegue Saccomanno - che una terra gia' colma di problemi ed ultima in tutti i settori possa continuare a subire continui sbarchi senza riuscire a dare risposte concrete e dignitose? Si e' mai chiesta perche' nel 2010 e' scoppiata una pesante rivolta nella citta' di Rosarno? Forse Lei vive in un altro mondo, ma sappia che la situazione nelle zone degli sbarchi e' veramente disperata e non reggera' ancora a lungo. Le Prefetture navigano a vista e non hanno alcun serio piano strutturale predisposto per affrontare tali continue emergenze, che, pero', esistono da oltre 15 anni ed ora hanno raggiunto punte di estrema insopportabilita'. Apra gli occhi Signor Ministro ed assuma con determinazione i provvedimenti che Le competono: o blocca gli sbarchi facendo sentire la voce del Governo in Europa oppure crei condizioni di vivibilita' sia per i migranti che per gli italiani. Le ricordo, a tal proposito, che in Calabria e' aumentata la soglia di poverta' e, quindi, sono indispensabili misure di sostegno anche per i residenti, che non hanno da mangiare e come vivere. Una situazione disperata che deve essere presa in seria considerazione non avendo questa terra meravigliosa, ma disgraziata nemmeno i servizi minimi che sono garantiti in tutte le altre regioni italiane". "Non si lamenti poi - sostiene ancora il commissario regionale della Lega - di possibili reazioni o altro che potrebbero essere evitate con un minimo di prevenzione. Faccia sentire seriamente la Sua voce e si determini concretamente. Se poi non ha delle idee adeguate ritorni al Suo lavoro e non metta in difficolta' una terra gia' complicata e che sta combattendo su tutti i settori per cercare di rialzarsi. I calabresi hanno bisogno di risposte e non di situazioni di degenerazione che alimentano il malaffare e la rendono ancor piu' invivibile. Mi auguro che sappia dimostrare celermente la Sua competenza e assuma quelle determinazioni concrete che attendiamo da anni".