Biondo (Uil): “Regione Calabria dia subito il via a progetto concreto di politiche attive del lavoro”

"La Regione Calabria se vuole andare in 'Gol' deve bruciare i tempi, convocare le parti sociali e dare vita ad un progetto concreto di politiche attive del lavoro. Il Governo, attraverso la dote eco-nomica messa a disposizione con il programma 'Garanzia occupabilità dei lavoratori', offre al no-stro territorio e a tutte le Regioni italiane un'opportunità importante per tutte quelle lavoratrici e quei lavoratori calabresi, per i disoccupati, per i neet e lavoratori in Cig, che sono rimasti ai mar-gini del mondo produttivo o ancora non ci sono proprio entrati.

Il tempo, però, è tiranno. Entro sessanta giorni, infatti, la Regione Calabria deve far avere ad An-pal il suo progetto finalizzato al corretto sfruttamento di una misura fondamentale per creare rin-novate condizioni di occupabilità.

"Comprendendo la necessità di rispettare i tempi tecnici della politica per quanto attiene la for-malizzazione della nuova Giunta regionale, siamo convinti della necessità di bruciare le tappe e convocare, come immediatezza, un tavolo tecnico di confronto approfondito fra le parti sociali, il Presidente della giunta regionale calabrese ed il responsabile del settore lavoro.

Il momento è troppo importante e l'appuntamento non può essere affrontato seguendo i tempi in-dicati dal governo. La Garanzia di occupabilità dei lavoratori, rappresentata una misura fonda-mentale anche per la nostra regione, per realizzare l'obiettivo vitale per la Calabria di far cresce-re le percentuali di occupazione regionali, tra i più bassi d'Europa soprattutto nella componente giovani e donne. Pertanto, pur rispettando i tempi tecnici di composizione del governo regionale ed essendo consapevoli dei tempi ravvicinati all'ultima tornata elettorale per il rinnovo del Consi-glio regionale, crediamo opportuno avviare un confronto approfondito, di merito e senza steccati di qualsivoglia natura con coloro che - come il Presidente della giunta regionale e il responsabile del Dipartimento lavoro - sono nelle facoltà politiche ed amministrative di poterlo fare".

Lo afferma, in una nota, Santo Biondo, segretario generale della Uil Calabria.