Catanzaro e Rende città europee dello sport, Condipodero, Latella e Stancati: "È un trionfo"

"È un trionfo. Catanzaro e Rende città europee dello sport per il 2023 è un grande successo e il coronamento degli sforzi collettivi compiuti per consentire alla nostra regione di ottenere questo prestigioso riconoscimento". È quanto afferma il presidente del Coni Calabria, Maurizio Condipodero.

Tanta è la soddisfazione del delegato CONI per la provincia di Catanzaro, Giampaolo Latella: "Fin dall'inizio abbiamo condiviso questa candidatura, frutto della lungimiranza e dell'abnegazione della senatrice Silvia Vono e del sindaco Sergio Abramo, e abbiamo profuso un notevole impegno assieme alle federazioni, agli enti di promozione sportiva, alle discipline associate e alle associazioni benemerite per affrontare questa sfida nel migliore dei modi. Questo successo va ascritto a merito dell'intera città, che ama profondamente lo sport e vive da sempre di passione ed entusiasmo, ed è la migliore risposta a chi probabilmente sperava in un esito negativo, giocando al 'tanto peggio, tanto meglio'. In questi mesi si è capito chi davvero ama la Calabria. Un ringraziamento particolare all'assessore comunale allo Sport Lea Concolino e soprattutto alla commissione di Aces Italia che, guidata dal presidente Vincenzo Lupattelli, ha potuto apprezzare le potenzialità di questo territorio".

Anche a Rende, Francesca Stancati, delegata del Coni a Cosenza esulta per la nomina di Rende a Città europea dello sport per il 2023: "Rende città moderna e dedita allo sport. Con i suoi impianti già esistenti, il nuovo palazzetto che a breve sarà consegnato alla città, le tante strutture sportive in cui i cittadini possono far sport per vivere meglio, con i nuovi progetti messi in cantiere ed il fiore all'occhiello dell'Università, in cui si praticano decine di discipline sportive, non solo per gli universitari. Il lavoro del Sindaco Manna, della Giunta e del delegato allo Sport che hanno voluto fortemente questa candidatura, ottenuta con la sinergia con le altre istituzioni, a partire dal Coni, ha avuto il giusto riconoscimento con l'assegnazione del titolo. Una enorme soddisfazione per tutto il mondo sportivo che avrà la possibilità di fare sport a tutti i livelli, dai professionisti ai semplici amatori".

"Congratulazioni a Catanzaro e Rende per questo prestigiosissimo riconoscimento che, sono sicuro, sarà trasformato in concretezza e possibilità per le due città calabresi." – commenta il presidente Condipodero – "Adesso, ottenuto questo risultato, sarà importante programmare nel modo più minuzioso possibile in modo da arrivare al 2023 già preparati e con le idee chiare su come vivere questa doppia importantissima possibilità".