Spirlì: "Al via macchina organizzativa per voto, centrodestra unito e compatto"

spirli nuova 600"La Calabria va al voto il 3 e 4 ottobre. Ieri sera ho sentito il ministro Luciana Lamorgese, stamattina il presidente della Corte d'Appello di Catanzaro Domenico Introcaso, il prefetto del capoluogo Maria Teresa Cucinotta e il presidente del Consiglio regionale Giovanni Arruzzolo. Adesso parte tutta la macchina organizzativa. Da oggi, appena sara' pubblicato il decreto, noi siamo con le carte in mano pronti a partire. Finalmente si vota e i calabresi potranno esprimere il loro gradimento sul candidato presidente e sui consiglieri". Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Nino Spirli' dopo che il Viminale, nella giornata di ieri, ha ha adottato il decreto che fissa la data per le elezioni comunali il 3 e il 4 ottobre.

"Non possiamo chiedere il green pass per entrare ai supermercati o nei luoghi comuni perche' poi davvero diventa una sorta di controllo poliziesco". Lo ha affermato il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirli', della Lega, a margine di una conferenza stampa nella sede della Giunta a Catanzaro. "Condivido - ha aggiunto Spirli' - la linea della Lega, ma non necessariamente perche' e' una linea di partito ma perche' e' una linea di buon senso. Noi non possiamo chiedere lasciapassare a ogni centimetro di spostamento, mi sembra quel film di Troisi e Benigni. Occorre che tutti quanti facciano una cosa molto importante: a prescindere dalle convinzioni personali, bisogna avere un convinzione di popolo, di appartenenza, e pensare a vaccinarsi, perche' le vaccinazioni aiutano".

"Abbiamo visto - ha aggiunto il presidente ff della Regione Calabria - cosa significa non essere vaccinati: le persone che stanno adesso un po' patendo sono persone non vaccinate, per oltre il 95 dei ricoverati sono persone non vaccinate. Questo conferma che i vaccini aiutano. Dai 12 anni in su forse e' il caso di decidere di fare il vaccino. Questo e' il primo atto dovuto nei confronti della comunita', poi il resto bisognera' deciderlo di volta in volta. Ma non possiamo pero' chiedere certamente il green pass per entrare ai supermercati o nei luoghi comuni perche' poi davvero diventa una sorta di controllo poliziesco che onestamente - ha concluso Spirli' - inizierebbe a creare grandi disagi nella popolazione e forse anche giustificati".

"Noi andiamo, come sempre siamo andati tutti uniti. Il centrodestra e' compattissimo ci dispiace per gli altri". Lo ha detto il presidente della Regione Nino Spirli' parlando con i giornalisti in merito ai rapporti con Fdi, a margine di una conferenza stampa a Catanzaro. "Non ho mai letto - ha aggiunto Spirli' - nessuna dichiarazione ufficiale di un un partito che si opponesse a questa o ad un'altra indicazione. Del resto, con Fratelli d'Italia, con l'assessore che lo rappresenta in giunta e con i consiglieri non c'e' mai stata nessuna interlocuzione o comunicazione ufficiale di questo genere. Penso che si sia trattato di un'interpretazione un po' troppo social o dovuta da parte di qualcuno che aveva necessita' di fare titolo". "A livello di governo regionale, poi - ha detto ancora - non c'e' stato nessun allontanamento o distacco: l'assessore Orsomarso ha sempre partecipato. Fdi ha sempre votato assieme alla maggioranza e non c'e' stata alcuna manifestazione di dissenso. Se ci sia stata a livello nazionale non mi risulta. La fiducia verso le scelte fatte e' stata assolutamente garantita anche in occasione della presentazione del ticket Occhiuto-Spirli'. Credo che un esercito di centrodestra cosi' unito e compatto non si fosse mai visto prima".