“Basso Profilo”, il presidente della commissione anti 'ndrangheta De Caprio: “Segnale della presenza dello Stato”

«L'odierna operazione di polizia coordinata dalla Procura distrettuale di Catanzaro è un nuovo segnale da parte dello Stato della volontà di riappropriarsi di un territorio sottratto con la violenza e il malaffare da parte della criminalità organizzata». A commentare l'inchiesta "Basso profilo" contro i clan del Crotonese è il presidente della commissione regionale anti 'ndrangheta Antonio De Caprio. Si tratta di un'inchiesta istruita dall'ufficio guidato dal dott. Nicola Gratteri e condotta sul campo dalla collaborazione tra tutte le forze dell'ordine, Carabinieri, Polizia, Guardia di finanza.

L'operazione coinvolge anche l'attuale assessore regionale al Bilancio Francesco Talarico. Su questo, De Caprio afferma: «Auspico che l'assessore Talarico possa presto dimostrare la propria estraneità alle contestazioni che gli vengono mosse. Ad ogni modo - conclude il presidente della commissione anti 'ndrangheta calabrese - la classe politica della nostra regione è bene che faccia tesoro del lavoro della magistratura, sforzandosi sempre di più di stare lontana da ambienti e condizionamenti di tipo mafioso. Soltanto la legalità, adottata come modus vivendi da parte di ognuno, rappresentanti istituzionali in primis, potrà permetterci di avviare il riscatto sociale di cui la Calabria ha disperato bisogno».