Sanità, Bevacqua: “Il 28 settembre dossier alla sottosegretaria Zampa”

"Incontreremo martedi' prossimo a Roma la sottosegretaria alla salute Sandra Zampa per sollecitare l'attenzione del Ministero e del Governo tutto in merito alla gravissima situazione in cui versa la sanita' in Calabria. Il colloquio istituzionale sara' l'occasione per illustrare e consegnare un dettagliato dossier atto a evidenziare i disastri prodotti da undici anni di commissariamento, a cominciare dalla intervenuta desertificazione dei presidi assistenziali e alla conseguente caduta verticale dei LEA". E' quanto dichiara il capogruppo PD in Consiglio regionale Domenico Bevacqua. "Le nostre richieste - prosegue - saranno chiare e in linea con quanto stiamo proponendo da tempo: abolizione del Decreto 35, ripensamento organico della soluzione commissariale, utilizzo immediato del MES, costruzione dei nuovi ospedali (a cominciare da quelli gia' finanziati della Sibaritide, di Vibo e della Piana di Gioia Tauro), avviamento effettivo di un modello organizzativo che guardi ai territori, con la costituzione di una rete compiuta delle Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT), delle Unita' Complesse di Cure Primarie (UCCP) e di servizi di assistenza domiciliare integrati e avanzati. In linea con i principi ispiratori di un partito autenticamente riformista e attento ai bisogni primari dei cittadini ribadiremo la necessita' di una sanita' robustamente pubblica, capace di venire incontro alle esigenze dei territori e guidata con mano ferma da una forte regia nazionale.

Ne eravamo gia' convinti, ma l'esperienza Covid ha rafforzato questo convincimento. In ragione di queste priorita', entro il quadro della normativa nazionale, la Calabria puo' e deve tornare a disporre in maniera effettiva delle risorse necessarie a garantire il diritto alla salute dei propri cittadini. Davanti a un governo regionale che non ha prodotto alcun atto concreto per fronteggiare un eventuale aggravarsi dell'emergenza Covid, davanti alla latitanza della struttura commissariale, il ministero deve contribuire all'apertura di un tavolo istituzionale per l'assunzione di provvedimenti urgenti e indifferibili. Oggi, in Calabria - conclude Bevacqua - il diritto alla salute e' semplicemente negato: nessun livello istituzionale puo' restare indifferente".