Nuova ordinanza di Jole Santelli: ribadite regole su assembramenti e mascherine

SANTELLI-JOLENuova ordinanza in Calabria, per adeguare le misure contro la diffusione del coronavirus, a seguito dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte..

La nuova ordinanza della presidente della Regione, Jole Santelli,  conferma l'obbligo del censimento delle persone in entrata nel territorio regionale, consente "la ripresa in presenza dei corsi di accompagnamento alla nascita" e fa riferimento al rafforzamento delle "azioni di controllo sul territorio" e al "coordinamento con l'Ufficio Scolastico Regionale per le attivita' di screening previste a livello nazionale e per il monitoraggio delle misure finalizzate alla ripresa delle attivita' scolastiche di ogni ordine e grado, in sicurezza".

Il nuovo provvedimento, inoltre,  ribadisce le norme per la prevenzione dal contagio, ovvero il divieto di assembramento, le misure igieniche, la distanza interpersonale e l'uso delle mascherine.

"Allo stato attuale - si legge in un documento allegato alla ordinanza  - la capacita' numerica di processamento dei tamponi giornalieri e' pari a 1300 tamponi/giorno per tutto il territorio regionale. Si ritiene che, vista l'attuale situazione epidemiologica regionale, le priorita' di screening siano da focalizzarsi sulle persone fisiche in arrivo in regione Calabria e sulle persone che debbano sottoporsi a ricovero programmato presso le strutture sanitarie".

Particolare attenzione è riservata alla situazione degli sbarchi di immigrati: "Le attivita' di screening da eseguirsi in occasione di sbarchi sulle coste regionali, devono prevedere uno stretto raccordo con l'unita' di Crisi Regionale, oltre che con le Prefetture e le Autorita' competenti. Deve essere garantita - si legge nel testo - una immediata capacita' di intervento in modo da garantire gli interventi di cura necessari e/o sottoporre a screening le persone immediatamente dopo lo sbarco, individuando delle aree di attesa per consentire, all'esito del tampone, l'avvio verso i centri preposti, ovvero i luoghi per l'isolamento domiciliare".

L'ordinanza è valida fino al 7 settembre.