“La libertà, Sancio, è uno dei doni più preziosi che i cieli dettero agli uomini… Quindi per la libertà come per l’onore si può e si deve rischiar la vita” - Cervantes – “Don Chisciotte”
HomeAltri sportLa Tonno Callipo a valanga sulla Elio Sozzi

La Tonno Callipo a valanga sulla Elio Sozzi

E’ bastata un’ora e 5 minuti di gioco alla Tonno Callipo per mettere in fila la settima vittoria contro la volenterosa Elio Sozzi che, nel sestetto iniziale, aveva un’età media di anni 15,3 dunque un avversario giovane ed inesperto. Un dato statistico è alquanto eloquente: la Sozzi ha messo assieme, sommando tutti i punti dei tre set quelli (25) di un solo parziale (25-8, 25-6, 25-11). Ciò ovviamente non toglie merito alle ragazze di Boschini che hanno mantenuto sempre alta la concentrazione, puntando ad affinare l’intesa tra i reparti, vedendo all’opera tutte le atlete del roster eccezion fatta per Piarulli. E’ stata appunto anche l’occasione per Boschini di ruotare tutta a rosa: s’è iniziato con la diagonale Salimbeni-Suelen, Martina Vinci al centro, con Milazzo e Denise Vinci in banda, Darretta libero e Macedo primo cambio nelle rotazioni. Nel secondo set invece spazio a Cellamare al centro ed al secondo libero Landonio. Nel terzo infine, ancora qualche cambio: con Scibilia al posto di Suelen in posto-2, Martina Vinci di nuovo al centro e conferma in regia per Fiorini (entrata a metà secondo set con la stessa Scibilia) e Landonio. Da segnalare i ben 15 ace delle vibonesi, in cui Milazzo ha fatto la parte del leone con 5, quindi 2 a testa Suelen, M.Vinci, Salimbeni e Fiorini, e 1 Scibilia.

Parte lanciata nel primo gioco la Callipo che, dopo l‘1-1 iniziale, infila un break di 11-0 alquanto sintomatico della differenza di valori in campo. Si è in pratica ricalcato quello che è stato il leit motiv di questo avvio di stagione per l’ambiziosa squadra del patron Pippo Callipo. Un torneo che la formazione vibonese sta dominando in lungo ed in largo ed anche ieri se n’è avuta ampia dimostrazione. Dopo quel break (11-0) si registra il secondo punto della Sozzi con il capitano Crea, c’è da precisare che dei 25 punti totali, quelli realizzati dalla Sozzi sono stati soltanto una decina, gli altri tutti errori della Callipo. Il primo set si conferma a senso unico per le giallorosse, che non hanno difficoltà a condurre nel gioco e nel punteggio. Sul 15-3 Boschini tecnico della Callipo opta per il cambio in posto-2, con Scibilia per Suelen soprattutto per tenere in palla tutte le ragazze al cospetto di un avversario non irresistibile. Il parziale prosegue quasi in surplace per Vibo (18-5) che, ovviamente, realizza anche qualche ace, due con Martina Vinci e uno con Milazzo, chiudendo il parziale con un paio di primi tempi di Martina Vinci ed un muro della centrale brasiliana Macedo (25-8).

Nel secondo set il clichè non muta: Tonno Callipo a mettere palla a terra sia dal centro che dalle bande, e Sozzi che tenta qualche attacco con la brava Crea, ma senza impensierire l’esperto roster giallorosso. Anche le subentrate Cellamare e Landonio, tra le vibonesi, recitano la loro parte contribuendo alla vittoria del set. Che inizia con la Callipo a condurre sempre nel punteggio (6-1, 15-4), da qui in poi Boschini alterna la diagonale con l’ingresso di Fiorini-Scibilia. E’ un monologo di Vibo che aumenta il distacco sia con ottime fast di Cellamare e sia con capitan Vinci, che non disdegna di farsi trovare pronta in pipe, sempre a buon fine. Il parziale viene vinto da Vibo 25-6 con un attacco finale di Milazzo.

Nel terzo set la Callipo all’inizio non è cinica, e lascia cadere qualche pallone di troppo partendo dallo svantaggio di 0-2. Ovviamente è un fuoco di paglia delle reggine, con Vibo che impiega poco a prendere le redini del set, dopo la parità sul 4-4, ed a condurlo senza patemi. Un ace di Milazzo (8-4) ristabilisce le distanze, un altro di Fiorini sul 14-7 fa chiamare tempo all’allenatrice ospite Laurenda, ma la Callipo prosegue senza ostacoli verso la chiusura di set e match. Cellamare, l’onnipresente capitano Denise Vinci (top scorer con 11 punti) e l’ottima Milazzo (10 punti) con due ace , l’ultimo quello del punto-match, fanno archiviare anche questa settima vittoria. I riflettori ora sono puntati al big-match di domenica prossima a Lamezia Terme contro la forte Raffaele Lamezia che, di sèguito, non mancherà di elogiare coach Boschini, tecnico che ha incassato anche i complimenti di patron Pippo Callipo a fine gara.

INTERVISTA. Proprio con coach Boschini dobbiamo ripeterci nell’esaltare un gruppo che sta davvero trovando poche difficoltà, rispettando quelli che erano i programmi della vigilia. “Sicuramente anche ieri c’era un avversario giovanissimo – concorda l’allenatore giallorosso -, la differenza dell’età media dice tutto, ma io faccio sempre i complimenti a queste società perché reputo che bisogna partire sempre dalle categorie giovanili, per avere poi atlete che possano fare tornei di alto livello. La Sozzi è da tanti anni che lavora con le giovani, avevo avuto modo di conoscere la società anche durante la mia esperienza a Soverato, e con la collega Stefania Laurenda abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto, per cui mi congratulo anche con loro. E’ chiaro che, come dico da tre partite a questa parte, loro fanno un percorso diverso dal nostro e di conseguenza il divario che c’è è normale per quello che si esprime”. Non mancano però i moniti di coach Boschini… “Dal canto nostro dobbiamo – e l’ho ripetuto a fine gara alle ragazze – gestire meglio alcune situazioni evitando errori. Perché i primi due set li abbiamo fatti bene, invece nel terzo abbiamo calato l’attenzione commettendo qualche fallo di troppo, quindi questo è un aspetto su cui dobbiamo lavorare ancora; ma sicuramente si stanno anche vedendo alcuni lavori tecnici che stiamo portando avanti. Faccio un plauso a Giulia Scibilia perché è una giovane del 2007 e sta mettendo, in modo incredibile tutta se stessa in allenamento, per cui sono contento dei suoi progressi. In due mesi con me sta migliorando tantissimo, è sempre una gioia vederla in palestra con un bel sorriso nonostante i metodi un pò bruschi che uso con lei durante la settimana. Però alla fine portano i frutti ambiti e quindi c’è la gioia di vederla giocare bene e fare punti, migliorando anche a muro ed in battuta. Sono soddisfazioni per me ma anche per tutta la squadra, perché se si migliora individualmente si porta giovamento all’intero roster”. Bene anche le altre, che giocano meno: Cellamare, Fiorini e Landonio… “Assolutamente sì, ma non mi piace parlare delle ‘altre’, in queste aggiungerei Denise, Camilla, Martina Vinci, tutte diciamo. Per me c’è un gruppo-squadra e questo sta facendo tanto lavoro, in gara come in palestra”. E domenica prossima, forse dopo Pizzo, un esame probante per la Callipo con la trasferta a Lamezia… “Esatto: ci confronteremo con una squadra in cui ci sono tre giocatrici importanti: l’esperta Papa,  la centrale Paradiso e la schiacciatrice Stella,  con le ultime due attenzionate dal selezionatore Mencarelli del Club Italia del Sud. Insomma una squadra che dopo la sconfitta con Pizzo, farà un altro tipo di gara contro di noi. Sicuramente ci metterà in difficoltà: ho già messo in guardia la mia squadra, mi aspetto che da inizio settimana entrino in palestra con ancora più voglia e motivazione rispetto magari alle ultime due settimane, in cui c’è stata più tranquillità”. Dulcis in fundo, a fine gara hai e avete ricevuto i complimenti del patron Pippo Callipo? “Sì, col presidente abbiamo un bellissimo rapporto, giustamente la sua come la nostra attenzione, staff compreso, è rivolta già alla prossima partita, che sarà intensa ed in cui ci sarà da battagliare, oltre – conclude Boschini – a mettere il cuore in campo”

TONNO CALLIPO VV – ELIO SOZZI RC 3-0

(25-8, 25-6, 25-11)

TONNO CALLIPO: Salimbeni 5, Suelen 4, M. Vinci 7, Milazzo 10, D.Vinci 11, Darretta (L), Macedo 6, Scibilia 4, Cellamare 6, Fiorini 4, Landonio (L2). N.e.: Piarulli. All. Boschini

ELIO SOZZI: Amato, Anghelone, Crea, Falsone, Mazza), Spanò, Bernardez, Caruso,

Costantino (L2), Foti, Gerace, Pustorino, Romeo, Simone. All. Stefania Laurenda

Arbitro: Giovanni Notaro di Lamezia Terme.

Articoli Correlati