“Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare” - Jean-Paul Sartre
HomeUncategorizedRinascita Scott, la sentenza del maxiprocesso attesa per settembre. Gratteri: "In molti...

Rinascita Scott, la sentenza del maxiprocesso attesa per settembre. Gratteri: “In molti non lo credevano possibile”

E’ stata la volta, stamane, delle arringhe dei difensori dei 337 imputati nel maxiprocesso Rinascita Scott contro i clan del Vibonese che ieri ha visto terminare la requisitoria della pubblica accusa con le richieste di pena lette in aula dal procuratore capo della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri.

“In molti scommettevano sull’impossibilita’ di celebrare questo processo – ha affermato Gratteri rivolgendosi ai giudici del Tribunale di Vibo – per tanti motivi ed anzi hanno fatto il tifo affinche’ questo processo non si celebrasse. Invece si e’ celebrato con serenita’ e se c’e’ stata qualche tensione cio’ rientra nella normalita’ di ogni processo. Il presidente del Collegio ha dato a tutti la possibilita’ di parlare e portare all’attenzione di questo Tribunale tutto cio’ che c’era a carico ed a discarico per ogni imputato”.

Oltre quattromila gli anni di carcere complessivi per 333 imputati, solo 13 le richieste di assoluzione e 3 le prescrizioni. Dopo le parti civili tocca, quindi, ora ai quasi 600 avvocati del collegio di difesa dare corso ai loro interventi in favore dei rispettivi assistiti. Le arringhe dei difensori sono in calendario sino a fine luglio.

Quindi per settembre e’ attesa la sentenza di un maxiprocesso gia’ passato alla storia per numero di imputati e capi d’accusa elevati, dall’associazione mafiosa alle estorsioni (gli omicidi sono stati stralciati perche’ di competenza della Corte d’Assise), dal narcotraffico alle armi, dall’intestazione fittizia di beni all’usura, dalla corruzione alle infiltrazioni nella pubblica amministrazione.

Articoli Correlati