“Se avete preso per buone le «verità» della televisione, / anche se allora vi siete assolti / siete lo stesso coinvolti” - Fabrizio DeAndrè, Canzone del maggio, n.° 2
HomeCalcio"La Reggina continuerà ad allenarsi al Sant'Agata", l'annuncio di Falcomatà. Praticò promosso...

“La Reggina continuerà ad allenarsi al Sant’Agata”, l’annuncio di Falcomatà. Praticò promosso dg

Presentazione a Palazzo San Giorgio per Rosario Pergolizzi, nuovo allenatore della Reggina in Serie D. Conferenza annunciata per le 10:30, ma iniziata con un’ora di ritardo. La prima parte della conferenza ha visto però protagonista il patron Nino Ballarino, assieme al sindaco Giuseppe Falcomatà.

Nel momento in cui accomodano finalmente all’interno del salone die lampadari intitolato ad Italo Falcomatà, i volti di Ballarino e del presidente Virgilio Minniti sono decisamente scuri. Non molto diversa l’espressione del primo cittadino, che prende per primo la parola: “Iniziamo con ritardo per impegni istituzionali. Fa piacere che la conferenza si svolga a Palazzo San Giorgio, in segno di continuità dopo aver preso il marchio. C’è volontà reciproca di collaborare. Do il bentornato nella nostra città a mister Pergolizzi”.

“La Reggina continuerà ad allenarsi al Sant’Agata – ha subito specificato il sindaco Giuseppe Falcomatà – Ringrazio i vicesindaci Versace e Brunetti per il lavoro”.

Il presidente Minniti snocciola l’organigramma, che non presenta grosse variazioni: “Per noi oggi è una giornata importante, diamo il via alla stagione sportiva. Per la stagione 2024/25, troviamo come presidente Virgilio Minniti; il vicepresidente Fabio Vitale; il socio Nino Ballarino; il segretario generale Sergio Miceli; il direttore sportivo Giuseppe Bonanno; il team manager Francesco Alessandro; nell’area amministrativa, Francesca Serra; nell’area logistica, Pino Vilasi, Gaetano Musarella ed Alessandro Capitani; settore giovanile con Fortugno e Quattrocchi”.

Poi inizia il prevedibile monologo del patron Ballarino: “La colpa del ritardo è mia. Dopo il 29 maggio, torniamo in questa sala meravigliosa. Mentre il presidente leggeva l’organigramma, mi veniva la pelle d’oca. L’anno scorso eravamo in quattro quando ci siamo insediati, più i sindaci facenti funzione. Con tutte le difficoltà che siamo riusciti a superare. Oggi inizia un nuovo anno calcistico, tutti ci prefiguriamo come debba andare a finire. Ringrazio le istituzioni, che stanno cercando di starci vicino”.

“In questi mesi, ci hanno accusato di essere assenti sul piano della comunicazione. Ma stavamo cercando di rafforzare la società. Il presidente Minniti non ha detto due ruoli – specifica Ballarino – Alla mia prima conferenza, ho detto che ero un direttore generale provvisorio. Abbiamo conosciuto la persona che volevamo accanto, il qui presente Peppe Praticò. Che da club manager, da oggi, è ufficialmente il nostro direttore generale”.

“L’obiettivo è vincere, e raggiungere la Serie C. Il direttore Pellegrino per sua scelta è andato via, non abbiamo voluto aggiungere gente al gruppo dell’anno scorso. Abbiamo ampliato il ruolo di Bonanno – ha aggiunto l’ormai ex dg -Stiamo cercando di mettere i tasselli giusti. Per ogni posto, ci deve essere un responsabile. Questo diventa sinonimo di legalità, per il progetto che vogliamo portare avanti”.

Poi il nuovo attacco di Ballarino a chi osa criticare: “Quando leggo certe cose su certe pagine, mi viene solo da ridere. E nessuno degli altri colleghi giornalisti dice, insomma, cosa stai dicendo? Voglio giornalisti non schierati con la società, ma che parlano di ciò che è realtà. Non possiamo far apparire all’esterno quell’anatroccolo brutto, che noi non siamo. Ci hanno detto che chissà quanti soldi dovevano prendere i giocatori. La Lega ci ha detto che dovevamo pagare fino a maggio, abbiamo già pagato giugno. Se parlate male della Reggina, non state parlando male di Nino Ballarino o di Minniti. State parlando di un qualcosa che appartiene alla città”.

Ballarino non ha risposto alla domanda sul budget: “Vogliamo la Serie C. Cercheremo di portare a Reggio i giocatori che ci consentano di avere una squadra buona. Non ho messo budget. L’altro giorno abbiamo preso l’attaccante. Ha fatto 20 gol, solo uno ne ha fatti 21. Abbiamo preso quello che secondo il mister ed il direttore è il meglio. Se poi vogliamo regalare i soldi, è un altro discorso. Prenderemo ciò che serve a questa squadra per essere imbattibile”.

Articoli Correlati