“La libertà, Sancio, è uno dei doni più preziosi che i cieli dettero agli uomini… Quindi per la libertà come per l’onore si può e si deve rischiar la vita” - Cervantes – “Don Chisciotte”
HomeCalabriaReggio CalabriaConfesercenti Reggio Calabria: "Condizione commercio in città drammatica. Chiediamo tavolo di crisi"

Confesercenti Reggio Calabria: “Condizione commercio in città drammatica. Chiediamo tavolo di crisi”

“La condizione del commercio in città e nel territorio metropolitano è drammatica.

Non servono studi o sondaggi per capirlo. Basta vedere il numero sempre crescente di negozi chiusi e sfitti o parlare con gli imprenditori per avere contezza della preoccupazione e in molti casi, della disperazione, che stanno vivendo.

Una crisi senza precedenti che colpisce tutti, chi più chi meno. Dall’abbigliamento, che paga oltretutto lo scotto di un inverno ancora mai arrivato, agli altri settori merceologici che stanno vedendo i loro fatturati liquefarsi sino ad arrivare sotto la soglia di sopravvivenza.

Anche i negozi solitamente più refrattari ai riflessi negativi della crisi, quelli che si rivolgono a un target medio alto o alto, sono alle prese con una diminuzione degli acquisti non più sopportabile.

Calano i fatturati, si abbassano i margini di guadagno e, al contempo, aumentano i costi di gestione e rimane altissima la pressione fiscale generando una tempesta perfetta che rischia di mandare a gambe all’aria tantissime aziende ormai allo stremo. E non saranno certo i pochi giorni di vendita natalizia o l’eventuale spostamento della data dei saldi che anzi, potrebbe risultare addirittura dannoso favorendo ulteriormente le vendite online, a risolvere il problema.

Per tale motivo come Confesercenti Reggio Calabria chiediamo all’Amministrazione Comunale, quella Metropolitana e alla Camera di Commercio, l’apertura immediata di un tavolo di crisi del commercio che coinvolga tutte le associazioni datoriali così da valutare ogni intervento necessario e possibile, sia contingente che strutturale come, ad esempio, quello da noi proposto ma purtroppo rimasto inascoltato sulla creazione dei DUC, i distretti urbani del commercio, oppure la riduzione di Tari e Imu per i negozi che certificano un significativo decremento del fatturato rispetto l’anno precedente.

Azioni mirate e concrete da mettere in campo il prima possibile così da supportare gli imprenditori nell’affrontare una situazione divenuta ormai insostenibile che rischia di decimare quel poco che resta del tessuto commerciale nel territorio”.

Lo afferma in una nota Claudio Aloisio, presidente Confesercenti Reggio Calabria.

 

Articoli Correlati