“La libertà, Sancio, è uno dei doni più preziosi che i cieli dettero agli uomini… Quindi per la libertà come per l’onore si può e si deve rischiar la vita” - Cervantes – “Don Chisciotte”
HomeFronte del palcoDal 3 giugno in digitale e dal 20 in radio "Tutto quello...

Dal 3 giugno in digitale e dal 20 in radio “Tutto quello che rimane”, il brano del cantautore calabrese Maurizio Costanzo

Il cantautore calabrese Maurizio Costanzo (docente di Oboe del Conservatorio di Cosenzapubblica il suo primo album “LA FACCIA DELLE PERSONE”, (Parametri Musicali). Dal 3 giugno il disco è disponibile in formato fisico, in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

 

Prodotto e arrangiato da Roberto Costa (bassista turnista, fonico, arrangiatore e produttore di tanti artisti: Claudio Lolli, Lucio Dalla, Ivan GrazianiRonLuca CarboniMina, Gianni Morandi, Luciano Pavarotti“LA FACCIA DELLE PERSONE” è un album che contiene 8 brani, tutti scritti da Maurizio Costanzo.  

 

Attraverso la sua voce racconta e interseca storie che sono una sintesi del suo percorso autobiografico: sentimenti, famiglia, incontri, esperienze di vita, malattia di Parkinson, giungendo a una riflessione sulle più eterogenee e complesse personalità che ognuno di noi si porta dentro. Da qui il titolo LA FACCIA DELLE PERSONE” e in copertina un collage di foto che ritrae i diversi travestimenti del cantautore, che di volta in volta diventa impiegato, turista, prete, teppista, clochardmarinaiodonna.

«È un disco – afferma Maurizio Costanzo – nato dalla volontà di mettere per iscritto momenti e istanti che hanno attraversato la mia vita»

«TUTTO QUELLO CHE RIMANE” racconta del bisogno che abbiamo di comunicare e interagire con il mondo circostante, ma spesso rimaniamo in un equilibrio instabile, e tutto ciò che rimane di noi, da mostrare agli altri, sono soltanto le nostre facce».

«BIANCANEVE– continua il cantautore – si immerge, invece, nelle problematiche che una donna affronta nell’arco della sua esistenza, ma tutte le sue paure vengono annullate dalla capacità di rigenerarsi: poi arriva un temporale e porta via ogni dispiacere».

In MIA MADRE HA IL PARKINSON“, l’autore riflette sulla sua esperienza accanto a una persona costretta a vivere con una malattia degenerativa. Quindi nel testo si evidenzia il punto di vista di un figlio che assiste inerme a un lento e costante annullamento delle capacità cognitive e di movimento della madre.

Maurizio Costanzo si avvicina alla musica fin da bambino, studia contemporaneamente oboe, sassofono, chitarra e pianoforte. Si diploma in oboe e inizia la professione di strumentista che lo porterà a suonare in tutta Italia e in Europa con diversi gruppi di Musica da Camera. Dopo la Laurea, decide di affiancare all’attività di musicista classico quella di giornalista, scrivendo (tuttora) per diversi quotidiani nazionali e curando per la casa editrice Kore Edizioni, in qualità di direttore, riviste di design e architettura (DESIGN+, ARCHILINE, POINT ZERO).

Nel 2022 l’incontro con il produttore Roberto Costa lo avvicina alla musica leggera. Inizia una collaborazione lunga due anni, che porterà come risultato finale alla pubblicazione del disco “LA FACCIA DELLE PERSONE“.

      TRACCE DELL’ALBUM

“Tutto quello che rimane”, “Cercami”, “Mi perdo in un bicchiere”, “Biancaneve”, 

“Mia madre ha il Parkinson”, “Come in una favola”, “L’ultimo giorno”, “Aspettando amore”.

 

 

        LINK

www.instagram.com/mauriziocostanzomusic

www.facebook.com/maurizio.costanzo.official

www.youtube.com/@mauriziocostanzo2016

 

 

Articoli Correlati