“Se avete preso per buone le «verità» della televisione, / anche se allora vi siete assolti / siete lo stesso coinvolti” - Fabrizio DeAndrè, Canzone del maggio, n.° 2
HomeCalabriaPititto (CGIL): "A pagare il prezzo più salato saranno le fasce popolari...

Pititto (CGIL): “A pagare il prezzo più salato saranno le fasce popolari e le aree fragili del Paese”

“La CGIL, già da tempo impegnata a contrastare il disegno di legge sull’autonomia differenziata con un susseguirsi di iniziative sull’intero territorio metropolitano, denuncia, oggi, la necessità di bocciare il recente provvedimento legislativo, conosciuto anche come “legge Calderoli””. Questo quanto sostiene in una nota il Segretario Generale della CGIL Area Metropolitana Reggio Calabria Gregorio Pititto.
“Riteniamo – continua Pititto – necessario avviare un percorso abrogativo attraverso un referendum, in quanto la legge è indubbiamente dannosa, poiché nega prospettive di crescita sociale, occupazionale ed economica non solo nei confronti di chi vive nel meridione, ma nei confronti dell’intera popolazione del nostro Paese.”
“Nello specifico, – asserisce – verrà colpito il carattere pubblico e nazionale dell’istruzione, sarà ridimensionato il welfare universalistico, subirà un ennesimo colpo il nostro sistema sanitario e saranno messi in discussione anche i contratti collettivi nazionali di lavoro. Aumenteranno, dunque, a dismisura le disuguaglianze.”
“Pesanti saranno le ripercussioni che ricadranno su lavoratrici, lavoratori, pensionati e giovani di tutte le latitudini” – ribadisce il Segretario. “A pagare il prezzo più salato saranno le fasce popolari e le aree fragili del Paese, con conseguenze negative per la coesione sociale e per l’intero tessuto produttivo nazionale.”
“Inoltre la divisione – continua – della nostra Nazione in tante piccole autonomie gestite da un unico individuo al comando, si presenterà, in un contesto europeo, non come uno Stato unito e forte, ma come un agglomerato caotico incapace, quindi, di affrontare questioni importanti quali una forte politica industriale, la transizione digitale e la conversione ecologica.”
“Queste dunque le motivazioni che ci spingono ad agire” – afferma Pititto.
“L’appello che lanciamo è quello di costituire un comitato referendario in ogni comune della nostra area metropolitana per avviare e gestire la campagna referendaria, nonché iniziative, dibattiti e raccolta firme.”
In data 5 Luglio il quesito referendario che chiede l’abrogazione della legge sull’autonomia differenziata è stato presentato da 34 sigle, fra partiti, sindacati e associazioni in Corte di Cassazione.
“Tutte le realtà associative del territorio metropolitano di Reggio Calabria – chiosa Pititto – sono chiamate ad agire per fare fronte comune costituendo un comitato per avviare e gestire la campagna referendaria. Insieme ad altri comitati spontanei, nati di recente per contestare la legge Calderoli, definiremo iniziative per contrastare un progetto che danneggia non solo il Sud Italia, ma l’intero Paese.”

Articoli Correlati