Vibo Valentia
 

Ricadi (VV): il Covid fa saltare "Avvistamenti Teatrali"

Non è di certo una felice notizia quella annunciata dagli organizzatori di Avvistamenti Teatrali. La rassegna sulla nuova drammaturgia, tra i più attesi appuntamenti dell'estate calabrese, diretta dallo sceneggiatore Andrea Paolo Massara e ideata dall'associazione Avvistamenti ha deciso di rimandare l'appuntamento al 2021 a causa dell'emergenza sanitaria.

«Con grande dispiacere, specie per il nostro affezionato pubblico – commenta Massara – ci troviamo costretti a rinviare l'edizione numero 5 al prossimo anno. Non è per niente facile organizzare con il Covid un evento di questa portata, che ogni anno registra in media 1800 spettatori. Lo diventa ancor di più se la macchina burocratica, già di per sé farraginosa, è rallentata a causa del recente commissariamento del comune di Ricadi, che in questi anni ci aveva sempre supportato sposando il nostro progetto culturale per il territorio».

Il parco archeologico di Torre Marrana, che ha ispirato anche il nome stesso degli Avvistamenti Teatrali, per il 2020 resterà vuoto, ma è solo una piccola parentesi: «stiamo già lavorando con grande entusiasmo alla programmazione 2021 – continua il direttore artistico Andrea Paolo Massara –. È infatti recentissima la notizia di essere stati tra i vincitori del bando della Regione Calabria per il rafforzamento e la qualificazione dell'offerta culturale del territorio. Un risultato per noi straordinario che conferma la qualità della proposta e al tempo stesso ci offre la possibilità di programmare con un respiro più ampio, sia in termini economici che artistici».

Una realtà quella di Avvistamenti Teatrali che non solo ha riattivato una delle strutture all'aperto più belle della regione recuperandola dall'abbandono, l'anfiteatro di Torre Marrana, ma che negli anni ha ospitato artisti dal calibro di Cesar Brie, Saverio La Ruina e Dario De Luca, Tindaro Granata, Tono De Nitto, Angelo Colosimo, per citarne solo alcuni.