Reggio Calabria
 

Caos rifiuti a Reggio Calabria, Martino: “A rischio l’ordine e l’incolumità pubblica. Si invii subito l’Esercito a piantonare le zone più sensibili per frenare le ignobili gesta di questi criminali”

La presidente della Commissione consiliare Legalità e Sicurezza si appella al Prefetto chiedendo l'intervento dei militari per presidiare le zone più a rischio

«Ci rivolgiamo a sua eccellenza il Prefetto di Reggio Calabria affinché stimoli il Ministero dell'Interno a segnalare le zone sensibili sulle quali il Dicastero della Difesa potrà organizzare pattugliamenti dell'Esercito contro i criminali che abbandonano i rifiuti, inquinano e danno fuoco alle discariche abusive». La presidente della Commissione comunale Legalità e Sicurezza, Angela Martino, interviene dopo l'incendio che ha interessato, nella giornata di ieri, il quartiere di Ciccarello.

«Più volte abbiamo chiesto l'intervento dei militari – ha sostenuto Angela Martino – adesso la situazione ha raggiunto criticità da aggredire immediatamente, dato che il problema sta assumendo proporzioni preoccupanti anche sotto l'aspetto dell'ordine e della sicurezza pubblica. Quindi, non si può perdere ulteriore tempo puntando, oltretutto, sull'aumento dell'attività "Strade sicure" che potrebbe, senza dubbio, contribuire in modo deciso a combattere queste azioni criminali. Siamo convinti che i militari servano, ormai in maniera imprescindibile, per presidiare aree altrimenti irrimediabilmente compromesse ed a limitare le ignobili gesta di quei balordi che sfuggono ad ogni logica del vivere civile».

«Alla Polveriera – ha continuato la presidente Martino – si vedono entrare camion e, successivamente, scaricare la qualunque per poi incendiare quantità enormi di rifiuti su un terreno proprietà del demanio militare. Un fatto inaccettabile e che si potrebbe risolvere col piantonamento dell'unica via d'accesso ad un sito divenuto terra di nessuno».

«È ovvio – ha aggiunto – che la Polizia locale non abbia né mezzi né agenti a sufficienza per contrastare un fenomeno così vasto e complesso. Facendo mio l'appello lanciato stamane dai capigruppo di maggioranza a Palazzo san Giorgio, ribadisco come il Comune non possa essere lasciato solo in questo momento così duro. Chiediamo un controllo capillare e puntuale nelle porzioni del territorio più a rischio e che sono tristemente conosciute. È un dovere intervenire per tutelare la salute dei cittadini e le attività produttive della città che, oltre ai sacrifici ed alle difficoltà imposti dalla pandemia, rischiano di soccombere sotto il peso delle discariche abusive e dei fumi tossici sprigionati dai roghi appiccati da menti contorte, spregiudicate e criminali».