Reggio Calabria
 

I gruppi 'La Svolta' e 'Reggio Coraggiosa': "Bene condivisione Pazzano su progetti amministrazione Falcomatà, ma non li spacci come fossero sue idee"

"Apprezziamo molto il fatto che il consigliere Pazzano sia convenuto sulla bontà dei progetti già messi in campo dall'Amministrazione Falcomatà in questi anni sul tema del reinserimento delle persone private della libertà personale in progetti sociali di pubblica utilità. La commissione Politiche Sociali guidata dal presidente Carmelo Romeo, anche in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche sociali di Demetrio Delfino e con la stessa Garante delle persone private della libertà personale Giovanna Russo, è già da tempo al lavoro sulla riattivazione dei progetti già messi in campo negli anni scorsi. Ci fa piacere che anche il Consigliere Pazzano oggi abbia condiviso questo percorso. Ci permettiamo di suggerirgli però che presentare pubblicamente queste attività come fossero sue idee non è un fatto che depone bene per la sua campagna elettorale in vista delle prossime regionali, dove farebbe meglio ad essere più onesto e trasparente nel sottolineare il buon lavoro promosso dall'Amministrazione comunale reggina invece che denigrarlo ad ogni piè sospinto salvo poi riconoscerne sostanzialmente la bontà presentando proposte che di fatto sono state già realizzate". È quanto scrivono in una nota i gruppi consiliari La Svolta e Reggio Coraggiosa commentando quanto affermato sulla stampa dal consigliere Pazzano.

"Come specificato dal Presidente Romeo, dall' Assessore Delfino e dalla Garante Russo, i progetti, già realizzati in tempi non sospetti dall'Amministrazione comunale reggina, hanno prodotto ottimi risultati in termini sociali, coinvolgendo le case circondariali reggine e determinando progetti di pubblica utilità di indubbio valore. I progetti sono attualmente in fase di rinnovo. L'intenzione già espressa dall'Amministrazione e dichiarata dagli stessi suoi rappresentanti è quella di riattivare la convenzione già operativa in passato, adottando però tutti i necessari accorgimenti affinché i progetti di pubblica utilità possano essere svolti in piena sicurezza e serenità dalle persone private della libertà personale. Ci riferiamo ovviamente alla copertura assicurativa, necessaria per lo svolgimento delle attività, cui l'Amministrazione provvederà con l'approvazione del bilancio, ma anche le procedure di vaccinazione degli stessi detenuti coinvolti, per i quali è necessario garantire la massima sicurezza al fine di evitare il rischio di contagio all'interno del contesto carcerario".

"Ci fa piacere che il Consigliere Pazzano oggi convenga sulle nostre idee, già realizzate ed in fase di riattivazione. Spiace però che il consigliere, in maniera intellettualmente poco onesta, tenti di spacciarle come proprie attraverso comunicati stampa volti evidentemente ad acquisire la paternità di progetti realizzati e che hanno suscitato il vivo interesse ed il plauso delle istituzioni nazionali deputate alla tutela dei diritti delle persone private della libertà personale, ben prima che Pazzano iniziasse il suo impegno politico".