Rosy Perrone (Cisl): “La crisi aggredisce l’occupazione. Quali le contromisure di Comune e Metrocity di Reggio Calabria?”

"Dall'inizio della pandemia Covid-19, fino all'ultimo rilevamento dei numeri relativi allo stato occupazionale del territorio metropolitano, 2020, l'economia reggina ha perso 2000 posti lavoro. Dunque, in poco meno di due anni, 2000 famiglie o quasi, costrette a fare i conti con il muro della crisi. E in un contesto sociale in cui la 'voce' lavoro non è certo tra le prime tra gli indicatori economici, ne vien fuori un quadro allarmante. Ma è ancor più singolare il fatto che il Comune capoluogo della Metrocity, Reggio Calabria, attivi una Task Force su economia su imprese e occupazione senza un confronto con le parti sociali. Forse di occupazione ormai è difficile trattare? Bene l'idea unico e – ribadisco – singolare, il metodo in netta contraddizione con il confronto continuo con i sindacati da parte del Governo Draghi. Ma si sa, alle nostre latitudini tutto può succedere! Una componente di profili certamente illustri, che discutono di misure a sostegno delle imprese per favorire il rilancio e la ripartenza dell'economia e del tessuto produttivo locale è da salutare positivamente ma non nell'ottica del confronto per la costruzione delle politiche di sostegno alle imprese e conseguenzialmente di ripresa occupazionale.

"Sul tavolo temi che riguardano settori strategici per il futuro della nostra terra. Temi strutturalmente inseriti nell'agenda Cisl e per i quali sono state messe in campo azioni forti, ma soprattutto di coinvolgimento con tutti gli attori sociali ed istituzionali della città.
Ma questa è un'altra storia. E forse, un altro stile.
Ciò premesso, vorremmo capire quali sono le contromisure che la Task Force capitanata dal Sindaco Falcomatà, intende perfezionare per attutire gli effetti penetranti della crisi, proprio in branchie dell'economia della città, fondamentali per la sua ripresa. E solo per fare alcuni esempi: innovazione, digitalizzazione e internazionalizzazione, settori certamente centrali per l'economia e l'industria del futuro. Quali azioni sono previste? Ed il futuro reale delle infrastrutture?

E poi il comparto turistico. È quello che più dovrebbe giovare di una riapertura totale da parte del Governo, dopo mesi di restrizioni. Qual' è il piano previsto da Comune e Metrocity? Esiste un itinerario costruito per la valorizzazione del territorio e dei beni culturali di cui godono i comuni metropolitani? Esiste un protocollo con l'Ente Parco d'Aspromonte? Magari per favorire percorsi naturalistici ed identitari? E con il Marc? Esiste una strategia d'insieme, che coinvolga i turisti attraverso la visita del Museo Archeologico più importante del Sud Italia?

Ed infine, per noi non certo per importanza, la filiera della formazione-lavoro. Come si intende strutturarla, attraverso quali partenariati, attraverso quali linee guida? Pronti ad accogliere – come Cisl Metropolitana – ogni intervento teso a qualificare il settore della formazione-lavoro; anzi avremmo una discreta esperienza in materia, e potremmo suggerire delle idee. Aspettiamo solo di capire a quali interlocutori rivolgerci, considerato il fatto a Reggio Calabria, è l'unico posto in Italia nel quale esiste una Task Force per studiare interventi su economia e occupazione, ma senza le parti sociali!".

Così Rosy Perrone, segretaria generale della Cisl Reggio Calabria.

Creato Venerdì, 11 Giugno 2021 11:41