Reggio Calabria
 

Quattro alunni dell'IC Paolo VI - Campanella di Gioia Tauro superano la prima selezione delle Olimpiadi di Astronomia

"Chi non ha luce in viso, mai potrà essere stella", almeno secondo il poeta William Blake, ed è questo principio che sembra avere animato gli studenti dell'IC Paolo VI - Campanella di Gioia Tauro.

Ben 4 alunni e alunne, della Scuola Secondaria di Primo Grado, hanno superato la prima selezione della competizione "Olimpiadi di Astronomia 2021".

Un risultato eccellente per Giulia Calderazzo, Carol Gagliostro, Sofia Ranieri e Giulia Rotolo, della 3C, accompagnato dall'ottimo punteggio che ben 12 alunni e alunne, dell'IC Paolo VI Campanella, hanno ottenuto raggiungendo e superando i 50/90.

Sono loro ad aver superato la soglia dei 63/90 necessaria per partecipare alla prova successiva.

Tutto è stato possibile grazie all'impegno dei singoli e grazie al corpo docente della Scuola IC Paolo VI-Campanella, guidata dal dirigente Vincenzo La Valva.

All'interno della mura scolastiche, vissute dagli alunni come un luogo di rifugio e di sperimentazione, hanno scoperto che, come affermava Platone, "l'astronomia costringe l'anima a guardare oltre e ci conduce da un mondo ad un altro".

Un viaggio, per i ragazzi e le ragazze, in cui la prima tappa sembra raggiunta e superata egregiamente, ma che non è ancora finito.

La cosa che è importante sottolineare, non è il raggiungimento di un obiettivo, ma la sicurezza e la tranquillità con cui questi alunni e queste alunne hanno lavorato in questi anni, all'interno della Scuola Paolo VI -Campanella.

La vera esperienza, sostegno i docenti e il dirigente, non è vincere un premio, ma "pensare nuovi pensieri e formulare nuove fantasie", per questo in tutti i gradi d'istruzione dell'Istituto l'empatia si accompagna con la conoscenza.