Reggio Calabria
 

Incendio Ecoservice Lazzaro: convenzione con vigili del fuoco per spegnimento. Mercoledì prime analisi su impatto ambientale

"Siamo consapevoli delle difficoltà che l'intera comunità sta subendo a causa dei fumi provenienti dall'impianto dismesso Ecoservice dopo l'incendio dei primi giorni di agosto. Stiamo predisponendo la convenzione da firmare con l'amministratore giudiziario dell'azienda e con i vigili del fuoco, saranno loro infatti a curare e coordinare l'intervento di smassamento e spegnimento il cui primo step operativo è in programma già domani mattina. Sempre domani, una ditta specializzata comincerà le analisi per il monitoraggio ambientale mentre per venerdì 25 settembre è convocata in prefettura una seconda riunione del tavolo tecnico".

A dichiararlo è il sindaco Giovanni Verduci che sabato scorso aveva scritto al Prefetto per aggiornarlo sulle attività già svolte, evidenziando la comprensibile e giusta preoccupazione dei cittadini di Lazzaro e di Motta esasperati dal fumo acre che, in occasione di determinate condizioni atmosferiche, si propaga sul centro abitato.

"L'Amministrazione e gli uffici comunali – continua il sindaco - sono molto concentrati su questa vicenda, non c'è menefreghismo, superficialità o "strafottenza". C'è invece molta consapevolezza del problema, conoscenza e volontà di rispettare tutte le procedure necessarie per evitare ulteriori problemi ambientali, amministrativi e legali, ricordando che si tratta di un sito privato. C'è molta trasparenza, sul sito internet istituzionale del comune una sezione è dedicata all'incendio e riporta tutte le attività e le iniziative. Il nervosismo e l'agire d'istinto, comprensibile nel cittadino che sta affrontando un disagio ed è giustamente e seriamente preoccupato per se e per la propria famiglia, non deve dettare l'azione di chi, invece, ha la responsabilità di governare la comunità nell'interesse collettivo e nel rispetto delle istituzioni, degli enti, dei ruoli, delle procedure".

"Ho appreso prima dalla stampa – aggiunge il primo cittadino – e poi da una pec ricevuta solo nel pomeriggio ieri, che è stata indetta un'assemblea permanente presso la sala del Consiglio comunale. Anche in questo caso la disponibilità sarà massima. Abbiamo già scritto agli organizzatori chiedendo di formulare apposita richiesta per l'utilizzo dell'aula, chiarendo meglio alcuni aspetti organizzativi soprattutto in riferimento all'emergenza Covid-19. Valutate tutte le condizioni di sicurezza, sentito il Presidente del Consiglio comunale, informati il Prefetto e il Questore, non ci dovrebbero essere problemi a rilasciare la necessaria autorizzazione. Anche in questo caso si tratta di rispettare delle procedure che sono a garanzia di chi organizza e di chi, eventualmente, parteciperà all'assemblea".

"Non è il momento delle contrapposizioni, dello scontro politico e delle offese gratuite che, comunque, saranno successivamente valutate anche in altre sedi - conclude Giovanni Verduci – È necessario, invece, continuare a essere concentrati, mantenere la calma per raggiungere un risultato importante per il territorio e tutta la comunità".