Ripepi non si dimette e attacca: “Madre della bambina in cerca di un capro espiatorio su cui scaricare sue esclusive responsabilità”

ripepi massimo 600"Gli articoli di stampa che mi riguardano, pubblicati questa mattina, sono frutto di dichiarazioni che non hanno alcun fondamento fattuale, in quanto scaturiscono dalle dichiarazioni di una madre che in preda alla disperazione per averle il tribunale dei minori sottratto l'affidamento della figlia, ha fatto di tutto per cercare un capro espiatorio su cui scaricare sue esclusive responsabilità". Lo dichiara, in una nota, il consigliere comunale di Fratelli d'Italia e capo carismatico di Pace, la setta di integralisti cristiani che da anni opera a Reggio Calabria, Massimo Ripepi.

"E ciò è tanto vero - sostiene il presidente della commissioen Controllo e Garanzia - che dopo aver perso la potestà genitoriale sulla bambina, la madre si è messa alla ricerca di persone che potessero aiutarla a riavere l'affidamento della stessa, sostenendo che fossi stato io a sconsigliarla di rivolgersi all'autorità giudiziaria. Di questo ho già da tempo informato il Pubblico Ministero procedente, indicando nomi e cognomi delle persone contattate dalla madre della bambina, specificando anche come a talune di queste la madre della minore abbia correttamente confessato che io Le avessi detto di decidere lei liberamente cosa fare. Il tempo di raccogliere con il mio legale di fiducia, Avv. Mario Santambrogio, tutte le notizie provenienti dalle carte del procedimento e sarà indetta una conferenza stampa per dire la verità. Concordo - conclude Ripepi - con la zelante giornalista di "Repubblica", Alessia Candito: 'ed ora che si vada a guardare davvero cosa succede in quella Comunità'. E' giunta l'ora. Omnia vincit amor".