“Dite a Mimmo e a Carletto che le regionali non prevedono ballottaggio”

demagistris demadi Francesca Gabriele - "Adesso la linea politica del centrosinistra calabrese la gestisce Carletto Guccione?". Ci scrive questo un dirigente del Pd calabrese a commento della nostra indiscrezione dal titolo "De Magistris voluto dal popolo, ma non dalla politica". Il punto è la candidatura a governatore dell'ex magistrato e sindaco di Napoli non vista di buon occhio da buona parte del Pd e da Sinistra Italiana.

Proprio su quest'ultima, il Nostro, che non ci ha autorizzato la pubblicazione di nome e cognome, quando gli facciamo notare che al Tavolo delle trattative per la scelta del candidato a governatore, SI è l'unica forza politica ad aver fatto un nome, per l'esattezza quello dell'avvocato Anna Falcone, ci risponde "Angelo Broccolo a Roma conta zero così come il suo partito". Sarà, ma è anche vero che al momento, e da tempo, un nome sul tavolo l'hanno messo, ma neanche quel nome piace.

Il nome del Nostro è di forte astuzia politica e mandiamo avanti la conversazione. Gli chiediamo se intravede la possibilità di riunire il centrosinistra sul nome di De Magistris. "Alla fine – risponde - cederanno tutti". Quindi, problema risolto?

"No". Come no? "Devi dire all'avvocato Michele Conia, sindaco di Cinquefrondi, che deve andare a parlare a Roma con i leader ". I pentastellati calabresi – facciamo notare - sarebbero già favorevoli. "L'avvocato Conia – riscrive - deve andare a parlare con i leader del Pd. La Calabria non può perdere questa partita".

I giochi a questo punto restano tutti davvero aperti con De Magistris a farla da leone. "Con lui in campo non ci sarebbe partita per nessuno. Carletto e Mimmo – chiude la conversazione il Nostro - non hanno ancora capito che le regionali non prevedono ballottaggio".

C'è chi non ha dubbi: "Gli ultimi tre fischi li farà proprio colui che conta zero a Roma".