Fronte del Palco
 

MusicAMA Calabria, Antonio Canino e Bruno Ballista a Lamezia Terme: lo storico duo si esibirà al Teatro Grandinetti Comunale

Un duo che ha fatto la storia della neue musik. Quello formato da Antonio Ballista e Bruno Canino è un sodalizio che dura da sessant'anni, e la cui collaborazione non si è mai incrinata né interrotta. Tutto nel nome della musica. I due pianisti si esibiranno stasera, alle 21, sul palco del Teatro Grandinetti Comunale di Lamezia Terme, nell'ambito di MusicAMA Calabria, diretta da Francescantonio Pollice.

Incontratisi al Conservatorio di Milano, i due musicisti, mossi dalla stessa curiosità musicale, hanno iniziato a esibirsi in un repertorio a quattro mani. Il grande lavoro di far conoscere opere composte per orchestra con trascrizioni d'autore, li ha resi unici per il loro approccio alla scrittura e per l'esecuzione che ha catalizzato l'attenzione del pubblico.

A Lamezia Terme Canino e Ballista eseguiranno una trascrizione di Franz Liszt della Sinfonia N°9 di Ludwig van Beethoven. Il capolavoro del musicista tedesco, chiamato anche "Corale" per la presenza di un coro e di quattro voci soliste che si aggiungono a una orchestra, fu ritrascritta da Liszt per due pianoforti. Il suo intento fu quello di riprodurre al meglio le sonorità orchestrali, così come la struttura melodico-armonica della composizione, rendendo essenziale l'intera struttura privandola del coro.

La carriera del duo Ballista-Canino, negli anni, si è fregiata di collaborazioni con Claudio Abbado, Pierre Baoulez, Frans Brüggen, Riccardo Chailly, Bruno Maderna e Riccardo Muti, e che ha vinto il prestigioso Music Critic Award per l'incisione discografica con la London Symphony del Concerto di Berio, diretto da Pierre Boulez ed eseguito in prima mondiale a New York con la New York Philharmonic. Una collaborazione longeva che, con il passare degli anni, non ha perso il suo smalto e la sua ricchezza dialettica, creando ogni volta una fusione di sempre rinnovata freschezza.

AMA Calabria si atterrà alle misure legate al contenimento del Coronavirus, accogliendo un pubblico ridotto rispetto alla consueta capienza, come da normative ministeriali. L'ingresso sarà consentito se muniti di Green Pass e sarà fino a esaurimento posti.