Fronte del Palco
 

Elisabetta Eneh aka Fil Mama a Soverato

Venerdì 6 Agosto ore 22:00 sul palco dell'Exotica, il nuovo Lounge Club di Soverato in Via Aldo Moro (Ex Fata Morgana), Elisabetta Eneh aka Fil Mama, cantante e artista italo nigeriana che porta con sé tutta l'allegria delle sue radici africane. La passione per la musica ed il rispetto per il pubblico sono le caratteristiche che la contraddistinguono. Essere travolti dalla sua solarità e dalla sua energia è semplice. La sua voce, profonda e avvolgente, tipica del r'n'b e del soul, ha conquistato tutti durante la sua partecipazione a "The Voice" nel 2018. Dal 2020 è la backing vocal di Zucchero Fornaciari, accanto a lui si è esibita su diversi palchi importanti, come quello del "Festival di Sanremo".

Elisabetta Eneh, in arte Fil Mama, dalla voce elettrica e rude stupisce sin dal primo ascolto. La sua miscela unica di soul e blues ci pone davanti ad un risultato crudo e fumoso, ma nel suo stile c'è una tenerezza che colpisce nel cuore. Dal 2000 vanta diversi corsi di canto gospel, ma si definisce un'artista autodidatta. Studia con Rosa Martirano, Marcella Amoruso, Giuseppe Barbera, Giada Amadei, David Poggiolini, Giuseppe Anastasi, Carlotta Scarlatto ed il vocal coach di X-Factor Michele Fischetti. Vincitrice di numerosi premi e concorsi, riceve direttamente da Mogol la borsa di studio che le permette di accedere al CET di Mogol diplomandosi come interprete. Parallelamente alla passione e allo studio del canto, consegue una laurea triennale in Filosofia e Scienza della Comunicazione ed una Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo con il massimo dei voti con lode. Attiva nel panorama musicale italiano con progetti di musica soul, pop, R&B, blues e musical nonché progetti originali e inediti. Nel 2018 è stata una dei protagonisti più apprezzati del cast del programma televisivo di Rai2 "The Voice of Italy" giunto in quell'anno alla quinta edizione. Durante la Blind ha ricevuto la standing ovation dei quattro coach: Albano Carrisi, Cristina Scabbia, J-AX e Francesco Renga. <<Non solo tutti i coach si girano, ma si alzano anche in piedi applaudendo l'aspirante cantante>> (Supereva). Altra meravigliosa standing ovation del pubblico di "The Voice" durante la puntata dei Knockout. Scrivono di lei: <<Con un vestito luminoso di paillettes e una corona in coordinato, un'elegantissima Elisabetta Eneh si presenta sul palcoscenico del talent show per la sua esibizione. Una volta arrivata al centro, propone una convincente versione – elegante come il suo outfit – di "Crazy" dei Gnarls Barkley, che le vale l'accesso diretto alle semifinali. Secondo Cristina Scabbia (la sua coach) è, infatti, lei la concorrente migliore del suo gruppo. E, in effetti, è così>>. (Andrea Cominetti, La Stampa). Arrivata ai Sing Off di The Voice (le semifinali) Elisabetta Eneh, incanta nuovamente con "Rome Wasn't Built In A Day" dei Morcheeba. <<Energia potenza sono le caratteristiche fondamentali del suo sound>> (Annalisa Dorico, ilsussidiario.net). Dopo The Voice Fil Mama ha avuto nuove occasioni per rimettersi in gioco, firmando un contratto di lavoro con la casa discografia americana Atlantic Record per un progetto con Sir The Batpist cantante e rapper gospel, inoltre collabora con alcuni dei più influenti gruppi musicali italiani. A dicembre del 2017 Fil Mama realizza un videoclip su un brano che ha segnato la storia della musica internazionale, capolavoro di Sinnead O'Connor, "Nothing Compares 2U". Con il prezioso featuring del 'Master Cerimonies' senegalese Ellou Kiff, offre una versione fresca e sperimentale che unisce le sonorità della world music internazionale al pop più classico, fra un groove contemporaneo e l'apporto di un'esplosione di ritmo e rap. Nel 2018 vince il Premio Mia Martini come miglior artista dell'anno e nello stesso anno pubblica il suo primo inedito, dal titolo "Fake", disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming. Un brano sperimentale, con l'energica fredda elettronica che porta comunque il pezzo verso l'ambiente elettro-dance sostenuto da una melodia morbida fra sfumature di compromettenti suoni ancestrali africani. Un'armonia vocale che si mescola con un arrangiamento particolarissimo (firmato dalla stessa Elisabetta Eneh e Diego Tedesco con la collaborazione di Joe Santelli e del compositore Remo De Vico) per un brano tutto da cantare, e che unisce lingue (oltre l'italiano e una frase in inglese, la lingua francese nella strofa strofa rap che vede il featuring di Ellou Kiff). Il brano ha un sound innovativo, frutto di una ricerca che miscela influenze, ascolti e origini. La dimensione invisibile dell'incontro fra le corde etiche e morali ed il suono delle lacrime. La descrizione di un attimo nella sua essenzialità e crudezza che commuove e coinvolge fra la precisione di note nude. Il tema è l'aborto, la delusione di un amore, la consapevolezza di essere madre. Due vocaboli in loop (parole, rumore) sintetizzano quanta confusione e sofferenza accompagnino argomento delicato. Il testo è di Antonello Armieri cantante del Kantiere Kairos. Il videoclip ufficiale, girato tra Cosenza e il Castello di Corigliano Calabro, con la presenza degli ospiti del Centro immigrati profughi civili di Santo Stefano di Arcavacata Rende (Cs) e del Centro accoglienza Profughi di Marzi (Cs), le cui scene esaltano il temperamento sprigionato dalla musica di Fil Mama, da sempre sostenitrice delle identità e della perdita del linguaggio selettivo come "razza". Nel 2020 Elisabetta si trasferisce definitivamente a Milano e solo dopo pochi mesi avviene la convocazione come corista di Zucchero Fornaciari che lo vede come super ospite durante la kermesse in eurovisione del Festival di Sanremo condotta da Amadeus e Fiorello. Dicono i media <<Zucchero e la sua band hanno infiammato il palco di Sanremo>>. <<Un'esperienza unica che porterò per sempre nel cuore>> dice Fil Mama che oltre ad essere professionalmente legata a Zucchero è anche una profonda fan dall'età dell'adolescenza. <<Non ho avuto problemi a studiare i brani li conoscevo tutti, l'emozione è stata tanta!>> Subito dopo l'esperienza del Festival di Sanremo Fil Mama durante il lockdown prova nuove sperimentazioni sonore con Distanza. "Distanza" nasce nell'appartamento di Elisabetta a Milano sulla chat di Zoom. È un incontro virtuale tra amici artisti costretti a lavorare in lontananza. Canzone di appartamento, canzone da quarantena un home-making che vede come tema la violenza sulle donne. Ciò che ha spinto Elisabetta ad elaborare un brano narrato in prima persona è essenzialmente il ritratto di donne e ragazze che durante il lockdown sono state costrette a restare chiuse in casa a stretto contatto con i propri carnefici. Proviamo a pensare a quanti episodi di violenza accertati su minori e madri in Italia, uno di questi è il caso di femminicidio avvenuto nella provincia di Brescia proprio durante il periodo di chiusura covid19. La parola "distanza" si ripete nel ritornello è il mantra del 2020. È una regola, una prerogativa, una missione, una necessità, un atto di amore, è paura. Impossibilitati nell'incontro reale si è pensato di girare alcune immagini con il cellulare e poi di realizzare un cartone animato. Fil Mama sarà presente come backing vocal anche durante la reunion post lockldown di tutti gli artisti italiani più amati anche Zucchero sale sul palco dell'Arena di Verona esibendosi con i brani cult dell'artista emiliano: "Baila morena", "Spirito nel Buio". Evento organizzato da Rai per i Seat Music Awards, il 2 settembre 2020 in onda su Rai1. Il 9 settembre ancora a fianco di Zucchero si esibisce per i PowerHitsEstate per RTL.102.5 in un'Arena senza pubblico <<un'esperienza surreale>> afferma Fil Mama <<che non dimenticherò mai>>. Fil Mama, insieme alla sua band, è in tour a sostegno della sua nuova release, un organico di musica che mescola tutte le esperienze, i sentimenti, le passioni, ed i ritmi che hanno alimentato la sua anima creativa retaggio delle sue origini nigeriane. Una cantante policroma, e riesce dunque a spaziare in diversi stili e generi musicali con un organico di brani che spaziano dal pop, al soul, al reggae, elettronica, fino alla commerciale. Inoltre ha iniziato un percorso di "Stage Presence for Singer" nelle scuole di canto in tutta Italia, lezioni di interpretazione, canto, concentrazione. La sua è una voce fortemente contaminata dai timbri gospel infatti dopo l'esperienza in Arena decide di lavorare in remoto con musicisti sparsi in tutta Italia e produrre la cover di Kirk Franklin "Love Theory".

Sarà una serata di musica dal vivo di grande qualità e coinvolgimento con un'artista carismatica dal talento eccezionale.