Firme
 

Regionali, Pd nel caos. Irto isolato, pronta l’alternativa. Intanto con Falcomatà...

falcomatairto 1di Pasquale Romano - Ancora tutta da giocare la partita della candidatura interna al Partito Democratico in vista delle prossime elezioni regionali calabresi. Ufficializzata nella scorsa settimana la scelta di Nicola Irto quale candidato da sottoporre alla coalizione, la risposta del diretto interessato non è ancora arrivata...e non è un caso.

Come anticipato da IlDispaccio lo scorso 9 febbraio (leggi qui) il nome di Irto ha irrigidito la posizione dei 5 Stelle, che da subito hanno iniziato a strizzare l'occhio al polo civico Tansi-De Magistris. Le parole rilasciate negli ultimi giorni dal deputato del M5S Alessandro Melicchio ("Mai con il Pd se il candidato sarà Nicola Irto") e da Carlo Tansi ("I 5 Stelle saranno con noi alle prossime elezioni regionali") rappresentano la conferma ma non ancora la certezza della possibile unione tra i grillini e il polo civico.

Da Roma infatti filtrano malumori nel caos che si è generato all'interno del Partito Democratico. Impossibile, con l'indicazione di Irto che ha scatenato nei possibili alleati reazioni avverse, non pensare ad un piano alternativo. Che infatti è già pronto. I colloqui con Nicola Morra, Presidente della Commissione Antimafia e pezzo forte dei 5 Stelle in Calabria, volgono in tal senso. Non è un mistero infatti che arrivi da Morra il no più convinto alla candidatura di Irto, allo stesso tempo il Presidente della Commissione Antimafia non disprezzerebbe affatto una sinergia con il poco civico rappresentato dal vicino De Magistris.

Il Pd quindi, nella speranza di ricomporre il puzzle, deve lavorare ai fianchi di Morra proponendo un profilo che riavvicini i 5 Stelle e di conseguenza li allontani dal polo civico. In quest'ottica, il nome individuato è quello di Antonio Viscomi. In realtà si tratta di un ritorno al passato: il professore catanzarese infatti sino all'ultimo ha duellato con Irto nelle idee del Pd, prima che la scelta ricadesse sul giovane reggino.

Nominato nel 2015 Direttore Generale della Presidenza della Regione Calabria, Viscomi dopo qualche tempo è stato nominato dall'allora Governatore Oliverio quale vicepresidente della Regione Calabria, con deleghe a Bilancio e Programmazione Economica e Finanziaria. Il nome di Viscomi farebbe vacillare e non poco i 5 Stelle, a quel punto forse più vicini a riconsiderare l'alleanza con il Pd rispetto al duo Tansi-De Magistris.

Decisivi i prossimi giorni, il Pd appare al bivio con Irto suo malgrado isolato e in attesa di capire quale direzione prendere. Non è escluso infatti, alla luce dello stato di cose, che lo stesso Irto decida di fare un passo indietro, annunciando di rinunciare alla candidatura. In quel caso, Viscomi sarebbe praticamente certo di essere il candidato Governatore del Pd, con i 5 Stelle nuovamente possibili alleati.

Pd in difficoltà e nel caos in Calabria, Reggio compresa. Prosegue infatti lo stallo relativo alla nomina del vicesindaco metropolitano. Come riportato da IlDispaccio due settimane fa (leggi qui) si registrano frizioni tra gli (ex?) amici Giuseppe Falcomatà e Nicola Irto. Motivo del contendere, la scelta del vicesindaco metropolitano, pedina che potrebbe cambiare scenari ed equilibrio all'interno non solo dell'Ente ma anche e soprattutto nel Partito Democratico.

Motivazioni che portano i duellanti Falcomatà e Irto a spingere in direzioni opposte, in favore dei rispettivi uomini di fiducia. Armando Neri per il sindaco reggino, Giuseppe Marino per l'ex presidente del Consiglio Regionale. Il braccio di ferro rappresenta metaforicamente una dimostrazione di forza interna al Pd, scenari possibili e all'apparenza alternativi che si annodano alle prossime regionali calabresi (e alle politiche del 2023...) entrando quindi in rotta di collisione. Allo stato attuale, Falcomatà sembra voler tenere dritta la barra, con la nomina di Armando Neri che potrebbe arrivare a stretto giro di posta. Ma guai a dare qualcosa per certo, specie nell'imbizzarrito universo del Pd calabrese, quantomai in fermento e capace di sorprendenti colpi di scena.